NomentanoToday

Tangenziale Est, le rampe da abbattere sono cadute nel dimenticatoio

La denuncia viene dalla Fillea Cgil di Rieti Roma Est Valle dell'Aniene: “Si tratta di un'opera urgente". Il progetto era stato annunciato dal Campidoglio nel 2014

L'iter sarebbe dovuto partire per la fine di ottobre 2014. I lavori avviati nell'estate del 2015. E invece, del cantiere per lo smantellamento delle rampe della Tangenziale Est finalizzato alla riqualificazione ancora non c'è traccia. “Sappiamo che i fondi ci sono e che il municipio ha più volte sollecitato il Comune per l'avvio dei cantieri ma ad oggi è tutto fermo” spiega a Romatoday Gervasio Capogrossi della  Fillea Cgil di Rieti Roma Est Valle dell'Aniene. 

LAVORI FERMI - Con una nota il sindacato ha sollecitato l'avvio dei lavori. “Si tratta di un'opera urgente e indispensabile per il quartiere, sul quale grava degrado e insicurezza, in particolare per la situazione di incuria e abbandono che l'area sottostante alla rampa presenta” scrive. “Su questo problema il presidente del municipio, Giuseppe Gerace, ha già scritto al commissario Tronca per chiedere lo sblocco della situazione. I fondi ci sono e sono quelli previsti dalla Legge per Roma Capitale”.

L'ANNUNCIO - Alla fine del settembre scorso il Campidoglio aveva annunciato l'approvazione del progetto definitivo per i “lavori di demolizione del tratto in elevazione e relativi svincoli della circonvallazione Nomentana e sistemazioni superficiali”. Entro la fine del mese di ottobre 2014 sarebbe dovuta partire la gara per la riqualificazione che sarebbe dovuta partire nell'estate del 2015 e durare 15 mesi. 

IL PROGETTO - L'abbattimento non riguarda tutta la tangenziale che si snoda tra i palazzi ma circa 500 metri di viadotto, quello che va dalla stazione Tiburtina all'incrocio con via Teodorico, e delle sei rampe che collegano l'asse stradale alla via Tiburtina. Con il progetto inoltre dovrebbe essere riqualificata anche l'area davanti alla stazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA MOBILITAZIONE - “Si tratta di una situazione inammissibile, che si ripete per tante opere già finanziate e mai iniziate oppure che inspiegabilmente si bloccano, mentre la di crisi occupazionale in cui versa il comparto del lavoro edile è sempre più drammatica” si legge nella nota. “La Stazione Tiburtina ha assunto un ruolo fondamentale come snodo del trasporto su ferro e gomma ed è importantissima per lo sviluppo della Capitale. In mancanza di interventi concreti mirati al completamento e alla riqualificazione dell'intera area, intraprenderemo una specifica mobilitazione insieme ai comitati di quartiere” conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento