Monti PrenestiniToday

“Il Palestrina attraverso i secoli”: stasera si alza il sipario

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

“Il Palestrina attraverso i secoli” tira su il sipario. Venerdì 20 ottobre sarà il primo giorno dell’avvio di questo primo festival dedicato al genio Pierluigi, “principe della musica”. 

Concerti corali

Una rassegna di concerti corali, jam session, lezioni di musica, spettacoli teatrali e approfondimenti culturali che intratterranno il pubblico per oltre due mesi nei luoghi più suggestivi del territorio dei monti Prenestini. Il viaggio della musica del Palestrina attraverso la sua terra partirà questa settimana da Cave e proseguirà negli altri 5 comuni (Palestrina, Castel San Pietro Romano, Zagarolo, Genazzano e Valmontone) che hanno aderito al progetto finanziato da un bando del Mibact nell’ambito del programma di “salvaguardia del patrimonio musicale tradizionale”.

Il programma

Ad aprire la rassegna dei concerti sarà l’“Orchestra Popolare a colori”, la formazione di Genazzano nata “sotto il segno della musica che unisce i popoli” che ha riscosso negli ultimi anni un successo di livello internazionale. Ha al suo attivo due Cd, “Live 2013” (ed. Sete Sois Sete Luas) e “In Itinere Live 2016” (ed. Ars Spoletium), quest’ultimo presentato in anteprima al Teatro Ariston di Sanremo e numerose toluene in giro per l’Europa. L’appuntamento è per sabato alle ore 21 presso il Teatro Comunale di Cave. 

Il programma degli spettacoli proseguirà, sempre nello stesso comune, sabato alle ore 21 presso la Chiesa Santa Maria, con la musica polifonica originale del Palestrina interpretata dal coro “Praenestinae Voces” Il suo nome, “Voci di Palestrina”, si lega a questo antichissimo centro di interesse archeologico e artistico, alle opere di Giovanni Pierluigi e, più in generale, delle composizioni polifoniche della gloriosa “Scuola Romana”, cui vanno idealmente riferiti anche musicisti contemporanei come Domenico Bertolucci. Il coro vanta la partecipazione a diverse rassegne internazionali.

Il programma di questa settimana si concluderà infine domenica nella magnifica chiesa di San Carlo Borromeo dove alle ore 18,30 è atteso il concerto della Schola Cantorum “Antonio Belli” di Genazzano. Un coro che ha una tradizione documentata di oltre due secoli e mezzo e che vanta negli ultimi anni numerose esibizioni in Italia e all’estero. 

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento