rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Monteverde Monteverde / Viale dei Colli Portuensi, 10

Voragine Colli Portuensi, il cantiere chiuderà ad aprile 2022: "Siamo esasperati"

Due cedimenti stradali (15 aprile e 8 giugno), sempre per danni alla rete fognaria, hanno costretto la polizia locale a chiudere la carreggiata. Ci vorranno altri sei mesi prima di risolvere il danno

Quando il 15 aprile scorso un'autocisterna della Scania è rimasta incastrata in una voragine che si è aperta sotto il suo peso su via dei Colli Portuensi, il traffico della zona è andato in tilt. I residenti del quadrante non potevano immaginare che sei mesi dopo il tratto di carreggiata all'altezza del civico 10 direzione Forlanini sarebbe rimasto ancora chiuso. Non solo: per riaprirlo ad oggi ce ne vorranno altri sei, perché i lavori di ripristino del tratto fognario danneggiato finiranno ad aprile 2022.

La protesta dei residenti

Un bel problema, per residenti e negozianti della zona. La comunicazione arrivata il 7 ottobre dal Simu (il dipartimento  Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale), che contiene una nota trasmessa il 22 settembre da Acea Ato 2, è stata accolta dai cittadini di Colli Portuensi come una sentenza: "La viabilità è in tilt, le attività commerciali sono in perdita di fatturato e gli abitanti esasperati chiedono ad Acea se ha bisogno del loro aiuto. Secchielli e palette sono già pronti!". A scriverlo sul gruppo Facebook di quartiere è Fausta Natella, una dei condomini del civico 10 che lo scorso 16 ottobre sono scesi in strada per protestare contro i prolungati disagi. 

Il motivo delle lungaggini

Da quanto si legge nella nota trasmessa dal responsabile Depurazione e Fognature di Acea, Fabrizio De Rosa e dal direttore dei lavori Alberto Cusmano, per la bonifica del collettore ovoidale danneggiato e causa della voragine del 15 aprile, i tecnici Acea hanno provveduto a realizzare un cordolo per il collegamento delle testate dei micropali realizzati intorno all'area interessata, poi hanno iniziato gli scavi per la bonifica della fognatura. L'8 giugno, però, il tratto a valle della porzione di fognatura oggetto delle lavorazioni è stato interessato da un secondo avvallamento e dopo le ispezioni video effettuate i tecnici hanno riscontrato "evidente e progressivo" degradamento del collettore esistente: 15/20 metri di tratto ammalorato, non uno scherzo da poco. Per motivi di sicurezza, quindi, Acea dovrà prima concludere la fase di ripristino della voragine del 15 aprile, poi procedere con quella dell'8 giugno. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voragine Colli Portuensi, il cantiere chiuderà ad aprile 2022: "Siamo esasperati"

RomaToday è in caricamento