rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Monteverde Monteverde / Viale di Villa Pamphili

"Un viale di Villa Pamphilj intitolato a Paolo Arca"

L'Associazione per Villa Pamphilj ha lanciato un appello e una petizione online per chiedere che il Comune dedichi al presidente, scomparso ad aprile, uno dei viali del suo amato parco

Sono passati poco più di quattro mesi dalla morte di Paolo Arca, storico presidente dell’Associazione per Villa Pamphilj, e il suo ricordo è ancora vivissimo in tutte le persone che hanno avuto l’opportunità di conoscerlo e collaborare con lui. E che desiderano adesso celebrarlo dedicandogli un viale del parco da lui tanto amato e cui ha dedicato oltre vent’anni della sua vita.

La proposta è stata raccolta dall’Associazione per Villa Pamphlj, che ha voluto lanciare una petizione sul sito change.org diretta al prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, al sindaco Roberto Gualtieri, alla giunta capitolina e al municipio XII. La richiesta è di agire in deroga alla legge 1188 del 23 giugno 1927, che prevede l'intitolazione di una nuova via solo a persone decedute da almeno dieci anni.

L’associazione ha infatti già presentato domanda agli enti e agli uffici competenti, ma il timore è che possa restare chiusa in un cassetto sino al 2032. Ha quindi deciso di fare un appello, già firmato dalle maggiori associazioni e comitati di Roma, in cui viene chiesto all’amministrazione comunale di derogare alla legge e agire prima. E di chiedere poi l’aiuto di tutti i cittadini attraverso una petizione online: condivisa due giorni fa, ha già raccolto quasi 400 delle 500 firme fissate come obiettivo iniziale. La speranza però è quella di raccoglierne molte di più, in modo da presentarle alle istituzioni e rendere l’appello ancora più incisivo.

“L’eco dell’impegno di Paolo è arrivato lontano, così lontano che alla sua morte sono stati centinaia e centinaia i messaggi di cordoglio, di amicizia e di stima - ricordano dall’associazione da lui fondata nel 1992 - Non stiamo qui a ricordare la sua figura, perché sono i fatti che parlano per lui. Il suo esempio è, e sarà sempre uno stimolo a fare del bene, a proteggere i più deboli, l’ambiente, gli animali, gli alberi, Villa Pamphilj. Per quello che lui è stato e per quanto ha dato e trasmesso, pensiamo che intitolargli un viale sia non solo doveroso, ma è anche una forma di ringraziamento da fare proprio a nome di colei che più di tutte ha ricevuto passione e impegno da parte di Paolo, ovvero la stessa Villa Doria Pamphilj”.

Paolo Arca è morto il 26 aprile scorso, una notizia che aveva gettato nello sconforto moltissime persone. Le reazioni erano state immediate, centinaia di messaggi addolorati e ricordi commossi condivisi sui social, e manifestazioni di vicinanza erano arrivati anche dal mondo della politica, dal presidente del Municipio XII Elio Tommassetti all'ex minisindaca M5s Silvia Crescimanno passando per il consigliere grillino Daniele Diaco, ex presidente della commissione ambiente di Roma Capitale. A firmare l’appello per intitolargli un viale sono state, tra le altre, anche Enpa, Italia Nostra, Lipu, Wwf Roma, Osservatorio Sherwood Villa Ada, Associazione Amici di Villa Borghese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un viale di Villa Pamphilj intitolato a Paolo Arca"

RomaToday è in caricamento