Sabato, 13 Luglio 2024
Monteverde

Ingressi pericolosi a Villa Pamphilj: il progetto di messa in sicurezza resta fermo al palo

A marzo Roma Servizi per la Mobilità aveva elaborato una proposta di rifacimento dei marciapiedi per rendere più sicuri gli accessi allo storico parco. Ma a oggi nulla è stato compiuto di concreto

Che fine ha fatto il progetto di messa in sicurezza dell’ingresso di Villa Pamphilj che affaccia su via Aurelia Antica? Se lo chiedono in questi giorni i residenti della zona, che avevano lanciato una petizione per chiederne appunto un intervento da parte del Comune e che attendono che il promesso cantiere prenda vita per rendere finalmente a prova di attraversamento il tratto, teatro di diversi incidenti. 

In primavera, sulla base delle numerose segnalazioni anche da parte della polizia locale, si ipotizzava infatti che i lavori di messa in sicurezza venissero assegnati tramite gara entro la fine dell’estate - sembrava che della questione si fosse interessato anche il sindaco Gualtieri in persona - ma al 19 settembre il Dipartimento Coordinamento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale non aveva agli atti “alcun progetto approvato, ma esclusivamente una proposta progettuale” predisposta da Roma Servizi e poi trasmessa con nota al Dipartimento Mobilita Sostenibile e Trasporti.

A oggi dunque il progetto di rifacimento dei marciapiedi, dato come già finanziato (attraverso i fondi per il Giubilei) e pronto per essere tramutato in realtà, non è in realtà ancora stato assegnato, e la proposta è ancora in fase di valutazione per procedere al progetto di fattibilità e poi esecutivo. 

Gli alert della polizia locale

Le segnalazioni sulla pericolosità degli accessi di via Aurelia Anrica, come detto, sono state inviate per anni, e la questione aveva attirato anche l’attenzione del corpo di polizia locale, con gli agenti del gruppo Monteverde che avevano inviato diverse comunicazioni e una relazione tecnica al dipartimento Mobilità e Trasporti di Roma Capitale e a Roma Servizi per la Mobilità per segnalare la pericolosità dell’entrata di Villa Pamphilj che si trova all’altezza del civico 183 di via Aurelia Antica.

“In via Aurelia Antica, ai civici 183 e 327, vi sono due accessi al parco pubblico - si legge nella comunicazione inviata già nel 2021 - Entrambi i due tratti di Via Aurelia Antica in prossimità dei due ingressi risultano privi di marciapiedi e di percorsi pedonali per consentire il notevole afflusso di utenti che praticano il parco. Normalmente nelle giornate di festa e nei fine settimana l'afflusso al parco aumenta in maniera spropositata richiamando un enorme numero di visitatori che lasciando in sosta in modo indiscriminato le auto sul perimetro esterno della villa, in prossimità dei due ingressi sopra menzionati, che oltre a congestionare li transito veicolare non lasciano alcuna possibilità ai vari pedoni con al seguito spesso bambini, carrozzine e biciclette di raggiungere gli ingressi in sicurezza”.

La proposta di progetto e le promesse (ancora) non mantenute

Sulla base delle sempre più frequenti segnalazioni, a marzo 2023 era stata inviata una proposta, elaborata da Roma Servizi per la Mobilità, con allegata una foto-simulazione del progetto di messa in sicurezza, sia per il tratto lineare di via Aurelia Antica antistante l’ingresso di Villa Pamphili sia per l’incrocio tra via Aurelia Antica e via di Villa Betania. Gli uffici avevano ipotizzato la realizzazione di marciapiedi rialzati che consentissero il passaggio in sicurezza delle persone da e verso il parco, proposta poi inviata al Dipartimento Csimu, che si era reso disponibile al finanziamento e all'attuazione delle opere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingressi pericolosi a Villa Pamphilj: il progetto di messa in sicurezza resta fermo al palo
RomaToday è in caricamento