Venerdì, 30 Luglio 2021
Monteverde Monteverde

Villa Pamphilij, addio a decine di pini e cedri monumentali

Il Campidoglio annuncia d'aver ottenuto il via libera dalla Sovrintendenza. Restano dubbi sugli abbattimenti. Sacerdote (agronoma): “Con un’attenta valutazione del rischio qualcuno si poteva salvare”

Foto di M. Belli

Villa Pamphilj dice addio a decine di alberi. I fondi dell’appalto europeo per la manutenzione verticale, hanno messo in azione le motoseghe dei giardinieri. A farne le spese sono stati i pini ed i cedri che impreziosivano la storica villa romana.

Gli alberi malati

“La parte interna dei grandi alberi – ha spiegato l’assessora all’Ambiente Laura Fiorini – è stata completamente degradata dalla presenza di funghi, agenti di carie, che hanno consumato la cellulosa (carie bruna) o la lignina (carie bianca) del fusto. Una malattia questa non curabile soprattutto nelle conifere dove agisce molto rapidamente indebolendo la pianta e minandone la stabilità”. 

Il via libera al taglio

Il Campidoglio ha anche tenuto a precisare, attraverso un post pubblicato dalla stessa Fiorini, che il via libera è arrivato “dopo la valutazione delle piante ed i sopralluoghi con la Sovrintendenza Capitolina e la Soprintendenza ai Beni culturali che ha approvato gli abbattimenti”. La quantità di tagli però, ha suscitato molta impressione. Sono infatti numerosi i cittadini che, anche sui social network, stanno contestando la massiccia operazione messa in campo dall’amministrazione.

La valutazione dell'agronomo

“Le carie si sviluppano a seguito di lesioni che lasciano vie d’entrata per le spore dei funghi – ha spiegato Sara Sacerdote, consigliera provinciale dei dottori agronomi e forestali di Roma – di solito in funghi entrano dai tagli delle potute. E purtroppo agendo sui tessuti morti delle piante, non ci sono cure”

Un rischio calcolato

Le immagini diffuse dall’assessorato all’ambiente, mostrano dei tronchi cavi. Dunque a rischio caduta. Era quindi divenuto inevitabile l’abbattimento? Non necessariamente. “Esiste la possibilità di fare delle rilevazioni, con i macchinari, in grado di determinare quale sia il rischio di caduta di un albero – ha chiarito l’agronoma – significa fare un passo in più rispetto al classico Visual Tree Assesment. E con una valutazione del genere, alcuni alberi potevano essere probabilmente risparmiati dal taglio. Perché un conto è che questi alberi siano situati sulla Cristoforo Colombo. Un altro è se stanno in aree interne, poco frequentate, di una villa”. 

Consigli per il futuro

Non tutti i tagli eseguiti, quindi, erano strettamente necessari. “Almeno sugli alberi monumentali – ha aggiunto l’agronoma romana – si dovrebbe iniziare a valutare questo fattore di rischio”. Un rischio calcolato che consente di considerare quali danni, la rottura di un albero, potrebbe produrre. Un'accortezza di cui, i pini ed i cedri situati nelle zone poche frequentate di Villa Pamphilj, non hanno beneficiato. Diversamente, ora, sarebbero ancora in piedi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Pamphilij, addio a decine di pini e cedri monumentali

RomaToday è in caricamento