rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Monteverde Monteverde / Via Giovanni Battista Falda

Monteverde, insicurezza e degrado sugli scalini di via Falda

La scalinata che collega la parte alta di viale di Villa Pamphili con la stazione FS di viale dei Quattro Venti è lasciata nel degrado e nell'incuria. Un problema per la sicurezza dei cittadini

Nascosta dietro una cascata di edera, la scalinata di via Giovan Battista Falda a Monteverde sembra a prima vista un posto quasi fiabesco. Eppure basta avvicinarsi un po' per capire che se di fiabesco si tratta, certo non è un favola a lieto fine. Via Falda fa da ponte tra le due estremità di viale di Villa Pamphili e la scalinata porta giù a piazzale dei Quattro Venti, proprio di fronte alla stazione FS inaugurata nel 2006. Un passaggio comodissimo per chiunque debba recarsi “a valle”. Eppure i cittadini denunciano da anni le condizioni di abbandono nelle quali versa la scalinata. Prima che venisse inaugurata la stazione, la scalinata era utilizzata pochissimo ma ora è diventato un punto di accesso allo snodo di viale dei Quattro Venti e richiederebbe maggiore attenzione.

L'unico punto di luce arriva dal lampione alla fine di via Falda ma a causa della fitta vegetazione si riesce a rischiarare solo i primi gradini che proseguono giù verso il basso. “La potatura compete al Servizio Giardini del Comune di Roma”, dice a Romatoday la signora Licia Donati Perelli, presidente del Comitato di Quartiere Monteverde-Quattroventi. Il Comitato ha segnalato a più riprese la situazione di degrado e pericolo in cui versa la scalinata, prima nel febbraio 2011 e poi di nuovo a maggio.

Degrado in via Falda a Monteverde - Foto di C. Cecchini

Ai lati delle scale, erbacce di ogni tipo, stracci, vecchie sedie impagliate, bottiglie di birra, cartoni di pizza, lattine. La scalinata termina in un passaggio coperto con una curva a gomito, senza illuminazione alcuna. Anche lì, sporcizia, giornali vecchie, scritte sui muri. L'unico intervento per la sicurezza è lo specchio a parabola fissato in alto per riflettere i due lati del corridoio e segnalare presenze pericolose. Peccato che lo specchio sia sparito e sia rimasto solo la cornice di plastica. Di giorno la scala è frequentata: ragazzi, donne, signore con le buste della spesa. Ma la sera qui diventa terra di nessuno. “La scala è comoda, la uso spesso. Ma quando diventa buio non ci passo. E consiglio a tutti di non farlo, sempre”, dice una signora che abita nell'ultima palazzina prima dell'inizio dei gradini, proprio di fronte al lampione. E di recente infatti una ragazza ha subito un'aggressione, come conferma la signora Donati Perelli.

“Noi continuiamo a segnalare quello che non va - dice la presidente del Comitato - Abbiamo anche fatto presente il problema dello specchio, che andrebbe sostituito con uno in alluminio perché così non lo si può rompere, e abbiamo segnalato la rottura della grata metallica alla base delle scale”. Ma il vero problema di via Falda è “la scarsa attenzione a problemi piccoli ma importanti come questi”. Basterebbero infatti piccoli lavori di manutenzione per garantire più sicurezza per tutti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monteverde, insicurezza e degrado sugli scalini di via Falda

RomaToday è in caricamento