rotate-mobile
Monteverde

Prostituzione a villa Pamphili, la proposta del Pd: "Telecamere subito e valorizzazione dei casali"

Il consigliere dem Lorenzo Marinone: "Lavoreremo con dipartimento e polizia locale per tutelare la sicurezza di tutti"

"Telecamere subito" per contrastare la prostituzione a villa Pamphili. La proposta arriva dal consigliere comunale dem Lorenzo Marinone, a seguito dell'operazione di polizia di due giorni fa all'interno del parco. Due persone sono state denunciate per atti osceni in luoghi pubblico e altre 14 identificate. 

Lo scambio di denaro non è stato accertato, ma è noto che nell'area verde di Monteverde il sesso all'aria aperta, e a pagamento, sia una prassi consolidata. Le coppie scelgono per appartarsi il boschetto compreso tra il laghetto e il punto di ristoro, zona oggetto di diverse segnalazioni su episodi di incontri di natura sessuale, che perlopiù vedono coinvolte persone di sesso maschile.

Da qui la proposta del consigliere di installare un circuito di telecamere all'interno del parco ma non solo: "Bisogna valorizzare i casali all'interno della villa che garantiscono un presidio di legalità e sicurezza per tutti i fruitori". Già, i quattro casali di villa Pamphili, messi a bando nel 2015 con la gara che venne però revocato dalla Sovrintendenza capitolina per i canoni di locazione degli affitti troppo bassi. Da allora, più niente. "Bisognerà lavorare con dipartimento e polizia locale per tutelare la sicurezza di tutti e intervenire su questi due aspetti, telecamere e casali".  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione a villa Pamphili, la proposta del Pd: "Telecamere subito e valorizzazione dei casali"

RomaToday è in caricamento