Monteverde

Primarie del centrosinistra, a Monteverde in campo Elio Tomassetti e Marco Miccoli

Corsa interna al PD nel XII Municipio, sarà il candidato di Donna Olimpia contro il capogruppo uscente

Peculiare la sfida nelle primarie del Centrosinistra del XII Municipio: sciolte le riserve per i due candidati. Correrà, come da attese, Elio Tomassetti, capogruppo uscente del PD municipale; novità è invece la candidatura di Marco Miccoli, responsabile nazionale Lavoro nella segreteria di Nicola Zingaretti, molto legato all’attuale presidente della Regione Lazio e, sul territorio, esponente del circolo PD “ribelle” di Donna Olimpia, anch’esso nel cuore di Monteverde.

“Ho deciso di candidarmi alle primarie del Municipio Roma XII come Presidente di Municipio, consapevole delle difficoltà, ma con una grande voglia di mettermi in gioco per servire ancora maggiormente il mio territorio”, ha scritto Tomassetti su Facebook: “Confido nel sostegno dei tanti amici e dei molti cittadini che in questi anni ho incontrato, ascoltato e con cui ho condiviso intense emozioni. È ora di riprenderci la bellezza. E far tornare la politica una cosa seria”. Affidata al social network di Mark Zuckerberg anche la posizione di Miccoli: “L’amore che nutro per questa città e per quello che è politicamente il mio territorio, il XII Municipio, mi hanno spinto a prendere questa decisione. Mi candido alle primarie per la scelta del candidato presidente del Municipio Roma XII. Me lo chiede la mia comunità politica, dentro e fuori il PD e non posso proprio tirarmi indietro”.

Sono gli endorsement ai candidati a far intravedere la geografia politica dietro queste corse. Fabio Bellini, già presidente a Monteverde, consigliere regionale e uomo macchina di Roberto Gualtieri, appoggia senz’altro Tomassetti: “La scelta di Elio Tomassetti di candidarsi alle primarie del centrosinistra per il Municipio Roma XII è una scelta giusta e convincente. Amministrare un territorio complesso come il Municipio XII richiede capacità e competenza. Sostenerlo significa aiutare il rinnovamento, con una persona giovane preparata e perbene. Per questo lo farò”, scrive Bellini.

A Miccoli arriva invece il sostegno dei Giovani Democratici del XII: “Conosciamo pochi dirigenti nazionali di partito così vicini alle militanti e ai militanti del nostro territorio e così coerenti nel portare avanti le proprie posizioni, da noi spesso condivise. Non da ultimo, l’aver rinunciato a prospettive di ben altro calibro, in virtù del ruolo da dirigente nazionale che ha ricoperto fino a poche settimane fa, per mettersi a disposizione del proprio territorio, di Roberto Gualtieri e del Centro-sinistra romano. Non possiamo che schierarci apertamente e sottolineare quanto riteniamo surreale e imbarazzante che, di fronte a questo atto di generosità, non prevalga nel nostro partito lo spirito unitario, ma che si antepongano gli interessi di corrente a quelli della nostra comunità. Speravamo di non doverci arrivare, ma qualora si prospetti un confronto alle primarie, noi ci faremo trovare pronti con tutto il nostro impegno”.

Tutto sommato a Monteverde si respira dunque un’aria di sfida peculiare, fra il gruppo della cordata Tomassetti – Bellini, che fa riferimento al già tesoriere del PD Roma Claudio Mancini e che rappresenta la costola principale della candidatura Gualtieri, da un lato; dall’altro la candidatura di Miccoli, di eterodosso stampo zingarettiano, sostenuta dagli esponenti del nuovo raggruppamento "Prossima" animato da Marco Furfaro, già responsabile comunicazione dei dem sotto Zingaretti. Il tutto mentre tutti i maggiorenti del PD vicini al già segretario si spendono sui territori per raccogliere le firme a sostegno dell’ex ministro dell’Economia. Un municipio sempre particolare quello di Monteverde, che anche questa volta è pronto a una campagna elettorale particolare: arriveranno altri nomi a completare il quadro? 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie del centrosinistra, a Monteverde in campo Elio Tomassetti e Marco Miccoli

RomaToday è in caricamento