Sabato, 19 Giugno 2021
Malagrotta

Malagrotta: “Rigonfiamenti nel terreno di discarica”. Il comitato scrive al Noe

Il comitato Malagrotta ha scritto una lettera al NOE per denunciare gli anomali rigonfiamenti in un terreno contiguo al gassificatore. Il comitato: "Dal 27 l'impianto è fermo"

Rigonfiamenti nel terreno, crateri che si aprono, muri che vengono danneggiati. Tutto questo accade in terreni contigui alla discarica di Malagrotta e agli impianti di produzione di biogas. Tutto questo preoccupa i cittadini che fanno parte del comitato che, allarmati, hanno scritto una lettera a Noe ed istituzioni per denunciare, anche attraverso le foto, quanto sta accadendo. Ecco la loro lettera e le foto che hanno scattato.

"Egregio Maresciallo,vorremmo segnalare a lei,  ai Servizi del N.O.E. e alle altre Amministrazioni competenti  un fenomeno sicuramente anomalo intervenuto in questi ultimi giorni sul versante della discarica che scende verso Via degli Oleodotti,  dov’è situato l’ impianto-deposito  Lampogas  (impianto a RIR  -  rischio di incidente rilevante),  che come lei sa,  è  a sua volta contiguo al gassificatore.  In seguito ad un rigonfiamento abnorme  del terreno di discarica, il muro di recinzione fra  la Lampogas e la discarica stessa aveva dato segni vistosi di collasso.  E’ stato quindi rapidamente ricostruito ad opera del personale della Giovi srl.  Ma come si può vedere dalle foto allegate,  che sono state scattate qualche giorno fa,  delle fenditure e dei crateri di diverse dimensioni si sono aperti nel terreno e dei rigonfiamenti si sono formati,  com’ è ben visibile dalle foto. Il terreno è evidentemente intriso di biogas e di percolato e questi movimenti e trasformazioni anomale fanno parte delle “dinamiche” della megadiscarica, che negli anni e nei decenni hanno provocato frane più o meno rovinose, in particolare quella del 2000 che sconvolse completamente  il terrapieno frontale della discarica  per alcune centinaia di metri lungo Via Casale Lumbroso,  che rimase bloccata in quella parte per tre anni. Nel frattempo,  da  notizie confermate il 27 u. s.  da fonte  autorizzata  COLARI,  il gassificatore di Malagrotta è attualmente fermo, per motivi “anche di sicurezza”,  in vista,  ci è stato detto,  dei lavori  di  costruzione della seconda e della terza linea dell’impianto. In attesa del reperimento dei finanziamenti necessari e a causa della sospensione dell’ attività  circa 60  addetti sarebbero avviati alla cassa integrazione.  Quindi,  a  otto anni dall’avvio del progetto e a tre anni dall’avvio del funzionamento della prima linea  (mentre la seconda e la terza avrebbero già dovuto essere avviate entro il 2010…)   non si sa ancora quanto CDR viene bruciato ogni giorno, e  quanta energia è stata  prodotta fino ad oggi. Il fermo  attuale del gassificatore non può che essere accolto con grande sollievo da tutti,  soprattutto tenendo conto di quanto scritto dal Direttore del X Dipartimento (Ambiente) del Comune di Roma  nella sua lettera alla Regione Lazio,  controfirmata dai principali tecnici del Dipartimento,  fin dal lontano 2003,  esattamente  in data 22.12.2003 (allegata),  lettera nella quale si prospettava la necessità di effettuare UNO  STUDIO  DI  SICUREZZA  INTEGRATO  DELL’  AREA  VASTA  DI  MALAGROTTA  in considerazione della concentrazione nell’ area di  numerosi  impianti a rischio di incidente rilevante (RIR),  e ciò in base al Dlgs. 334/99  (Seveso II).   In particolare si evidenziava quanto segue :.“Si esprimono perplessità sulla scelta dell'area dove è prevista la collocazione dell'impianto di produzione energia, in quanto si verrebbe a trovare lungo le pendici di un lotto  della discarica, in posizione plano-altimetrica non definita e in contatto con l'ammasso dei rifiuti. Tale situazione potrebbe costituire un punto critico di rischio in presenza di emissioni di biogas  nell’area circostante”. Come lei sa,  sfortunatamente tale studio integrato,  che doveva servire a valutare i diversi impatti ambientali presenti nella Valle Galeria Galeria in una visione  globale dell’ area,  non è mai stato effettuato.  Ed è per questo che ci troviamo ancora di fronte a situazioni di estrema incertezza e potenziale pericolosità di questo tipo".
Con molti cordiali e distinti saluti,  Sergio Apollonio Comitato Malagrotta











 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malagrotta: “Rigonfiamenti nel terreno di discarica”. Il comitato scrive al Noe

RomaToday è in caricamento