Venerdì, 25 Giugno 2021
La Pisana La Pisana

Piano rifiuti: attivista in croce per protesta su un "calvario" di spazzatura

Il coordinamento "Rifiuti Zero per il Lazio" protesta di fronte al Consiglio regionale, dove è ripresa la discussione del Piano Rifiuti. "Rifiutate di ascoltarci? Ci rivedremo alle urne"

Di nuovo cittadini sulle barricate contro l'apertura delle discariche laziali: di fronte al Consiglio della Regione, oggi c'è un attivista "crocifisso" ad una croce di legno in cima ad un "calvario" formato da sacchi di plastica neri con le scritte di tutte le località del Lazio interessate dalle politiche regionali dei rifiuti (Malagrotta, Riano, Pizzo del Prete, Albano). E' questa la protesta organizzata dal coordinamento 'Rifiuti Zero per il Lazio' di fronte al Consiglio regionale del Lazio, dove è ripresa la discussione del Piano Rifiuti.

A essere 'in croce', le mani legate al legno con delle corde e i piedi su una pedana, è Paolo Simonini, attivista che già in passato, racconta, ha collaborato con Greenpeace. Indossa un sacco della spazzatura nero con la scritta 'Sono uno zero e voglio rifiuti zero'. "Starò qui - spiega - finché ci sarà bisogno. Ma l'idea è che ogni giorno ci sia qualcuno su questa croce, che sarà itinerante. La porteremo a Pizzo del Prete, a Riano, a Corcolle. Ogni giorno ci sarà una persona".

Ai piedi del 'Calvario' c'è uno striscione con scritto: 'La rivolta degli Zero: cittadini in croce per la monnezza di Roma'. Simonini non è d'accordo sulla discussione della proposta di legge popolare sui rifiuti prevista per l'11 gennaio, dopo cioè la probabile approvazione del Piano: "Nessuno - afferma - ha interesse a farla approvare, perché si parla di zero discariche e zero termovalorizzatori, settori cioè dove ci sono interessi diretti. Se Alemanno facesse un discorso come De Magistris, di 'rifiuti zero', e cioè vendesse la spazzatura in Olanda, dove la comprano a caro prezzo, sarebbe molto diverso". Quanto durerà la 'crocifissione' dei militanti? "Si parla di proroga di Malagrotta fino a giugno - ironizza il manifestante - magari a Pasqua ci troverete qui ancora crocifissi".

Attorno alla croce una quindicina di militanti dei comitati tengono il presidio alla Pisana, con cartelli, bandiere e striscioni. Uno, molto vistoso, recita: 'Rifiutate di ascoltarci? Ci rivedremo alle urne'. Anche oggi sono presenti i cartelli di ieri, con Alemanno e Polverini raffigurati con il naso alla Pinocchio. (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano rifiuti: attivista in croce per protesta su un "calvario" di spazzatura

RomaToday è in caricamento