Tufello Tufello / Via delle Vigne Nuove

Vigne Nuove: il "Delle Vittorie" all'Ama? Il comitato fa ricorso al Tar

Il comitato ha annunciato che presenterà ricorso al Tar per chiedere la sospensione e l'annullamento della delibera con cui la struttura è stata data in concessione al Cral dell'Ama

Niente custodia sociale affidata ai cittadini, nessun passo indietro. Per il momento l’amministrazione centrale ha confermato la volontà di passare la struttura all’Ama, tanto che la scorsa domenica cittadini e attivisti avrebbero trovato la vigilanza privata a presidiare lo stabile, non più accessibile.
Nel quartiere è già iniziata una raccolta firme per chiedere la gestione pubblica dell’impianto: le firme saranno presentate al Sindaco Alemanno, al quale il comitato chiederà di ritirare la delibera di giunta. Nel frattempo il Partito Democratico municipale e capitolino si schiera contro la decisione del Comune di affidare la struttura al Cral dell’Ama.

"L’affidamento dell’impianto sportivo di Piazzale Ennio Flaiano (Municipio IV) al Cral dell’Ama per venticinque anni, rappresenta una vera anomalia rispetto al panorama sportivo cittadino. Sebbene l’impianto sportivo di piazzale Ennio Flaiano sia appesantito da una vicenda amministrativa e finanziaria gravissima, di circa 1 milione e 700 mila euro per mutui ancora da pagare, l’assegnazione non tiene nessun conto delle aspettative dei cittadini di quel territorio, l’impianto è l’unico accessibile a chiunque attraverso un normale bando di gara e tutta la vicenda lascia spazio a critiche circa la correttezza dei passaggi fin qui seguiti". Queste le parole di Massimiliano Valeriani, consigliere comunale Pd, Paolo Marchionne capogruppo Pd IV municipio e Federica Rampini consigliere Pd IV municipio. "Sembra strano che l’impianto di piazzale Flaiano sia stato assegnato ad un Cral, che non è una società sportiva e che non ha potuto partecipare a nessuna gara bandita dall’amministrazione comunale perché non ne aveva i requisiti. La deroga infatti prevista dalla delibera comunale n. 170 del 7 novembre 2002 che regolamenta l’assegnazione degli impianti sportivi, prevede che la giunta possa assegnare per un anno ad altri soggetti le strutture sportive. In questo caso la Giunta ha assegnato l’impianto di piazzale Flaiano per venticinque anni a chi non poteva partecipare al bando. Sembrerebbe più che altro il mantenimento di una promessa pseudo-elettorale che il sindaco Alemanno aveva garantito al dopolavoro dell’azienda municipalizzata".

Intanto il comitato “Delle Vittorie” ha annunciato che presenterà ricordo al Tar del Lazio per chiedere l'immediata sospensione e l'annullamento della deliberazione n.372 del 24 novembre 2011 della giunta capitolina avente per oggetto “Concessione in uso dell'impianto sportivo di proprieta? capitolina sito in Piazzale Ennio Flaiano, 21 al Cral AMA Roma”.


"La deliberazione della giunta é priva di qualsiasi fondamento giuridico poiché difetta di motivazione, in quanto nell'atto non viene spesa nemmeno una parola per giustificare l'assegnazione di un impianto sportivo pubblico al Cral dell'Ama e non ad altre associazioni che  altrettanto legittimamente ne hanno fatto richiesta", spiega il comitato, "vìola inoltre la legge e lo stesso avviso pubblico di giugno andato deserto, poiché assegna la struttura ad un soggetto che non é un associazione sportiva dilettantistica e manca quindi del requisito soggettivo fondamentale previsto dall'art. 90 della Legge che gli ha impedito la partecipazione al bando pubblico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigne Nuove: il "Delle Vittorie" all'Ama? Il comitato fa ricorso al Tar

RomaToday è in caricamento