Domenica, 19 Settembre 2021
Tufello Montesacro / Via Monte Bianco

Casa Verbano, dopo i sigilli una manifestazione per non dimenticare

Reading letterari, proiezioni video e performance musicali per chiedere che la casa della famiglia Verbano diventi la sede dei progetti portati avanti da Carla e dagli amici verso la ricerca della verità e della gustizia. Presenti anche Moni Ovadia e Valerio Mastandrea

Sono passati quasi due mesi da quando la Regione Lazio ha apposto i sigilli in casa di Carla Verbano, madre di Valerio, il giovane di sinistra assassinato dai neofascisti nel lontano 1980.

Carla si è spenta dopo una lunga malattia il 5 giugno scorso e così nella casa al quarto piano di via Monte Bianco, scenario dell’omicidio, sono arrivati i sigilli e le assi di ferro a sbarrare l’entrata.

Una disposizione quella presa dagli uffici regionali che non è piaciuta ai compagni e agli amici della famiglia Verbano, impegnati in tutti questi anni alla ricerca della giustizia sulla vicenda e che vedevano nell’appartamento di via Monte Bianco 114 la naturale sede di un centro dedicato alla memoria dove far incontrare le anime antifasciste del territorio, raccogliere ed archiviare il materiale così da continuare la ricerca della verità storica sull’omicidio di Valerio.

“L'appartamento, nel quale Carla Verbano ha vissuto fino all'ultimo dei suoi giorni, chiediamo diventi la sede dell'associazione e una casa comune per tutti quei progetti che con Carla abbiamo portato avanti in questi anni nella ricerca di verità e giustizia” – ha detto l'Associazione "Le compagne e i compagni di Sardo, Carla e Valerio Verbano” che ha organizzato una manifestazione proprio in via Monte Bianco per questo sabato alle 16.

Alla manifestazione, che aprirà ufficialmente la vertenza riguardo l'assegnazione dell'appartamento in cui il 22 febbraio 1980 venne ucciso, in un agguato fascista, Valerio Verbano, prenderanno parte diverse realtà di movimento romane e non, a cominciare dagli studenti delle scuole occupate del IV Municipio e dalle mamme antifasciste romane, Madri per Roma Città Aperta .

Reading letterari, proiezioni video e performance musicali accompagneranno la manifestazione che si protrarrà fino a sera. Interverranno Moni Ovadia, Valerio Mastandrea, AttriceContro , Kento, Michele Baronio e Trio Ponentino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa Verbano, dopo i sigilli una manifestazione per non dimenticare

RomaToday è in caricamento