rotate-mobile
Talenti Talenti / Via di Casal Boccone

Casal Boccone, maggioranza e opposizione d'accordo: parte la battaglia contro il cemento

Approvato all'unanimità in Consiglio il parere che respinge la delibera sull'Accordo di Programma. Il Campidoglio ne prenderà atto?

Approvato all'unanimità, con 19 voti favorevoli, il parere di delibera contrario che la maggioranza aveva presentato alcune settimane fa sul progetto di cambio di destinazione d'uso dei 220 mila metri cubi di cemento previsti a Casal Boccone. E approvato anche, con altrettanti 19 voti favorevoli, l'ordine incidentale presentato dall'opposizione per rafforzare tale parere. Il Consiglio del IV Municipio respinge quindi il progetto presentato dalla società Urb.a.m., per conto della Sansedoni S.p.A. del Gruppo Monte dei Paschi di Siena, mandando un segnale forte e chiaro al Campidoglio. Il parere del Municipio non è vincolante, è bene ricordarlo. Tuttavia, quanto accaduto oggi nell'aula consiliare di Piazza Sempione lascia spazio a significative riflessioni su ciò che sta accadendo in IV Municipio: tante le battaglie che cittadini, comitati e associazioni stanno portando avanti contro la colata di cemento prevista in diversi quartieri, e l'amministrazione municipale, con i due atti approvati questa mattina, ha riconosciuto la portata di questi rischi per il territorio. L'obiettivo ora è ottenere che anche il Campidoglio prenda atto della situazione, frenando la corsa alla cementificazione.

GLI INTERVENTI IN CONSIGLIO. Significativi, durante la seduta più volte sospesa, gli interventi del Capogruppo Pd Paolo Marchionne e del Presidente della commissione Urbanistica Stefano Ripanucci. "Vorremmo che come accaduto per la delibera 218, anche questa venga ritirata dal Sindaco, e che non accada come per la metro B1. Troppe volte il Consiglio comunale opera stracciando quello che viene detto in queste aule. Serve una continuità, bisogna far capire che il parere del Municipio espresso oggi è largamente condiviso dai cittadini, e che la "pubblica utilità" la decidono i cittadini, non l'amministrazione che accoglie i progetti dei privati", ha dichiarato Marchionne nel corso del dibattito.                                                                                                                                                                                   

"Il problema non è che la città non deve crescere, ma che cresce male. Non abbiamo delle infrastrutture in grado di accogliere nuove abitazioni: la rete fognaria e le strade non possono sostenere il peso di tutti questi nuovi insediamenti. L'area oggetto della discussione certamente non necessita di essere ulteriormente urbanizzata, ed è per questo che abbiamo deciso di respingere la delibera e votare favorevolmente anche l'ordine incidentale, per rafforzare la volontà del territorio", è quanto ha affermato il consigliere Pdl Ripanucci. E dal Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli arriva anche la precisazione: "Oggi ci stiamo schierando contro una volontà comunale, per coerenza con le battaglie che abbiamo portato avanti da quando eravamo in opposizione nella precedente giunta".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casal Boccone, maggioranza e opposizione d'accordo: parte la battaglia contro il cemento

RomaToday è in caricamento