menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dieci clochard morti in due mesi: da Montesacro la raccolta di coperte e abiti invernali

L’iniziativa di Piazza Sempione per far fronte al freddo che miete vittime tra i senzatetto: “Gesto piccolo ma indispensabile”

Il filo della solidarietà per aiutare chi vive per strada. Fino a venerdì 29 gennaio, in Municipio III, sarà possibile donare abiti invernali e coperte per le persone senza fissa dimora portandoli nella sede istituzionale di Piazza Sempione. 

Emergenza clochard: il Municipio III raccoglie coperte e abiti

“I vestiti e le coperte raccolte saranno donate alle associazioni che si occupano dell'assistenza a quanti vivono per strada. Un piccolo, minuscolo segnale reso indispensabile dalla situazione contingente” - ha detto il presidente del Municipio III, Giovanni Caudo, ricordando come a Roma i clochard morti a causa del freddo siano stati quattro nelle ultime due settimane. Dieci da novembre. "Una silenziosa strage a cui dobbiamo rispondere, subito, con misure adeguate, come già più volte richiesto da questa amministrazione, e facendo pieno appello alla nostra umanità”. 

Troppi morti per freddo sulle strade di Roma: "Raggi apra le stazioni metro" 

“Apriamo stazioni metro e alberghi per i senzatetto”

Anche da piazza Sempione nei giorni scorsi si era levata la richiesta, già avanzata dalla Comunità di Sant’Egidio, di utilizzare per il ricovero dei senzatetto gli alberghi inutilizzati a causa dell’emergenza Covid-19, così come l’esigenza di aprire di notte le stazioni della metropolitana per consentire a chi vive in strada di trascorrere le ore più gelide in luoghi riparati. “Non si muore di freddo, si muore di indifferenza” - avevano scritto alcuni attivisti in presidio a stazione Conca d’Oro, il cui piazzale esterno di notte si trasforma in un vero e proprio dormitorio a cielo aperto. 

Il centro anziani convertito in centro di accoglienza

Un’emergenza sociale che ha spinto il Municipio III ad aprire il centro anziani di Vigne Nuove, chiuso dal lockdown, ai senzatetto: una riconversione temporanea in centro di accoglienza per ospitare chi è costretto a vivere in strada. Otto posti che si aggiungono ai ventisei già disponibili nella struttura, operativa da due anni, in via Ottorino Gentiloni. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento