rotate-mobile
Montesacro Valmelaina / Via dei Prati Fiscali Vecchia

Luci spente, prostituzione e rovistaggio: Prati Fiscali chiede sicurezza

Il Comitato studia nuove forme di protesta, intanto le istanze arrivano in Campidoglio dal quale potrebbe essere convocato un tavolo di confronto con i cittadini

Ancora un’assemblea pubblica, ancora una passeggiata per le via di Prati Fiscali per far sentire la presenza nel proprio quartiere. I residenti lanciano un nuovo appello alle istituzioni e tornano ad evidenziare le numerose problematiche che attanagliano quel quadrante del Municipio III: dalla prostituzione praticata proprio sotto le finestre delle abitazioni, al degrado diffuso e poi ancora la presenza di numerosi insediamenti abusivi, roghi notturni e l’ormai ben nota pratica del rovistaggio nei cassonetti.


Da Prati Fiscali dunque l’ennesimo grido d’allarme: “Bisogna fare qualcosa e occorre farla al più presto” – dicono i residenti scesi in piazza per l’assemblea lanciando l’idea di comprare la pagina di qualche quotidiano nazionale oppure di organizzare un vero e proprio corteo, una manifestazione autorizzata ben più grande delle passeggiate che hanno contraddistinto l’azione dei cittadini in questi anni di battaglie.


Un movimento che cerca nuova linfa vitale e nuove metodologie per far arrivare la propria voce alle istituzioni, così ecco avviata la raccolta fondi per attuare una campagna di sensibilizzazione e finanziare le affissioni. Il Comitato Salviamo Prati Fiscali si muoverà anche in rete, ma non esclude azioni dimostrative con striscioni da appendere alle finestre e ai balconi, proprio quelli dai quali ogni sera sono costretti ad assistere al fenomeno meretricio, ai fuochi di rifiuti e alle razzie nelle pattumiere.

Prati Fiscali, cassonetti assaltati e rifiuti in strada


In occasione dell’assemblea il Presidente del Comitato, l’Avv. Corsi ha voluto altresì ribadire “l’assoluta apoliticità del movimento e l’assoluta necessità di insistere per non arrendersi al degrado e al disinteresse delle Istituzioni”.


Solo televisivo, per adesso, il confronto con il Presidente del Municipio III Paolo Marchionne che, sull’emittente RomaUno, ha ammesso la gravità delle problematiche sollevate dai residenti e si è impegnato ad aprire un tavolo con i cittadini e il Campidoglio.  

Roghi di rifiuti per le prostitute a Prati Fiscali


E proprio in Comune è arrivato il Comitato che ha avuto un incontro con il consigliere capitolino del PD, Fabrizio Panecaldo: “Evidentemente la nostra insistenza ha dato i suoi frutti e iniziamo almeno ad essere considerati un problema” – ha detto a margine dell’incontro il presidente del Comitato, Alessandro Corsi, sottolineando come l’esponente Democratico si sia messo a disposizione impegnandosi ad attivare tutte le procedure possibili per il contrasto del fenomeno della prostituzione e del degrado della zona e a ripristinare, in tempi brevi, anche l’illuminazione di Prati Fiscali, unico per quanto labile deterrente ai fenomeni di illegalità.


Dunque le problematiche di Prati Fiscali sbarcano in Campidoglio, gli sviluppi si vedranno nelle prossime settimane, nell’attesa però la linea dei residenti sembra essere sempre la stessa: non rimarranno a guardare.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luci spente, prostituzione e rovistaggio: Prati Fiscali chiede sicurezza

RomaToday è in caricamento