menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Piazza Sempione pedonale in sei mesi": sul progetto di Caudo è scontro

Il presidente del Municipio III ha reso note le tempistiche per il restyling della storica piazza di Montesacro: dubbi tra i residenti. FdI: "Partecipazione sparita, quella sui social non basta"

La gara per pedonalizzare piazza Sempione "è stata chiusa domenica. Poi ci vorranno altri tre mesi per partire con il cantiere vero e proprio, che durerà circa 3 o 4 mesi. Vogliamo creare uno spazio pubblico degno di questo palazzo ed evitare che la piazza sia ostaggio di 24 posti auto” - ha detto all’agenzia Dire il presidente del Municipio III, Giovanni Caudo, a margine dell'inaugurazione della nuova biblioteca cinematografica di Montesacro

Il progetto di pedonalizzazione di Piazza Sempione

Il minisindaco va dunque spedito sul progetto di restyling di Piazza Sempione che, conti alla mano, dovrebbe realizzarsi entro l’estate. Via il parcheggio davanti a Palazzo Pubblico in favore di un’area pedonale pavimentata a lastre. Al lato marciapiedi più larghi. Anche intorno alla chiesa è prevista un’area pavimentata: è li che verrà spostata la statua della Madonna che attualmente si trova in un’isola di traffico al centro delle carreggiate. Il riposizionamemnto, di fronte alla scalinata della Chiesa, in asse con la facciata, così spiega l’architetto Maurizio Bradaschia, servirà a “valorizzarla”. le alberature esistenti vengono conservate così come i passaggi carrabili verso via Monte Tesoro e via Titano e l’attuale corsia di sosta dei taxi separata da un’isola di traffico che funge anche da fermata del trasporto pubblico. Una serie di sedute in pietra servirà da separazione tra la zona centrale della piazza e la zona dei taxi. Lungo via Monte Subasio e Corso Sempione viene prevista una corsia preferenziale. 11 posti auto sono previsti al lato del passaggio carrabile per via Monte Tesoro, altri nella porzione di Corso Sempione interessata dall’intervento. 

Piazza Sempione, con il restyling diventa pedonale: ma sul progetto è rivolta 

I dubbi di Montesacro sul restyling di Piazza Sempione

Un progetto che a Montesacro ha sollevato più di qualche dubbio. I residenti di Città Giardino sono preoccupati per la perdita di posti auto e di un’intera corsia dedicata al traffico privato. Anche lo spostamento della Madonna dalla sua storica collocazione non soddisfa parte degli abitanti della zona: “Appare assai inopportuna quantomeno, la scelta dello spostamento previsto della statua della Madonna, al centro della piazza dal 1948, simbolo non solo religioso ma anche affettivo e di riferimento del quartiere”. La preoccuopazione maggiore resta quella legata al potenziale aumento della vita notturna: una piazza pedonale, proprio a due passi dai locali, potrebbe trasformarsi “in un bel salotto ad uso della mala-movida, fenomeno incontrollato che ha stravolto molte delle nostre strade con disturbo notturno costante alla quiete pubblica”. 

Montesacro, è scontro sul nuovo volto di Piazza Sempione

Il confronto con il territorio, nelle apposite commissioni, è iniziato. Ma il restyling di Piazza Sempione ha acceso anche lo scontro politico. La Lega ha promosso una petizione per chiedere la sospensione immediata delle procedure per la realizzazione del progetto, FdI tuona contro “il bavaglio”. 

“Durante il Consiglio del III Municipio, la maggioranza di centrosinistra ha bocciato una richiesta di FdI (documento congiunto con Forza Italia ndr. ) che chiedeva di aprire un processo partecipativo con la cittadinanza sul progetto di riqualificazione di Piazza Sempione. Con grande senso di responsabilità e come segno di attenzione verso i residenti e i commercianti abbiamo deciso di evitare qualsiasi connotazione politica, ma piuttosto rimetterci al giudizio di chi il quartiere lo vive ogni giorno. Malgrado ciò - scrive in una nota la consigliera Giordana Petrella - i consiglieri di maggioranza hanno preferito astenersi adducendo come motivazione quella di aver condiviso il lavoro delle commissioni nei gruppi facebook della zona. Insomma al confronto politico il presidente Caudo e i suoi consiglieri preferiscono quello sui social. Un atteggiamento - ha concluso l’esponente di centrodestra - da chi si professa democratico e 'Responsabile' che lascia davvero senza parole".

Ma Caudo tiene la barra dritta: "Sarà uno spazio pubblico bellissimo"
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento