menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una panchina rossa a Cinquina: l’abbraccio delle donne del quartiere alle vittime di violenza

L'idea nata da alcune residenti della zona per esprimere vicinanza e solidarietà a chi subisce violenza domestica: "Qui nessuno è solo"

Un omaggio e un gesto di vicinanza pensato dalle donne per le donne. Nel parco di Cinquina, su iniziativa di un gruppo di residenti, “con l’autorizzazione del Municipio III”, è stata installata una panchina rossa simbolo della lotta contro la violenza sulle donne

Una panchina rossa a Cinquina

L’arredo immerso nel verde della periferia è stato levigato e dipinto da Beatrice, Barbara, Fabiana, Francesca, Roberta, Simona, Valentina e Ylenia che insieme hanno voluto esprimere la loro vicinanza a chi si trova in difficoltà, soggiogata da soprusi e angherie, invitando a denunciare e non rimanere in silenzio davanti alla violenza subita. 

Sulle assi colorate di rosso le informazioni necessarie per chiedere aiuto in caso di rischio: il numero 1522, quello antiviolenza e anti stalking

L’omaggio delle donne di Cinquina per chi è in difficoltà

“Il fenomeno della violenza maschile sulle donne è un argomento molto importante e delicato, erroneamente considerato, come lontano, come qualcosa che ormai non ci riguarda più. Ma non è così” - dicono le donne di Cinquina a margine dell’installazione della panchina rossa nel parco del quartiere. 

A Cinquina porta a porta flop, vermi tra i rifiuti: “Io e mia figlia rincorse dai cinghiali”

Dalla battaglia contro Ama al sociale: “Nessuno qui è solo”

Un’idea nata nel corso della battaglia della zona contro i disservizi di Ama con centinaia di famiglie pronte ad intraprendere la class action per ottenere la riduzione della Tari così come accaduto a Settebagni. “Nel corso di quel confronto prolungato e costante qui a Cinquina - spiega Simona, portavoce delle famiglie - è nata una vera e propria comunità coesa. C’è una grande voglia di rimettere in piedi un quartiere da troppo tempo abbandonato a se stesso. Siamo partiti dunque da decoro e sociale. La panchina rossa - spiega - è stata installata per dare un messaggio a chi è in difficoltà: nessuno è solo. Purtroppo - conclude Simona - per chi subisce violenza tra le mura domestiche non è facile reagire e ribellarsi. Noi però ci siamo: il quartiere è pronto a proteggere, ascoltare e supportare chi ne dovesse aver bisogno”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento