MontesacroToday

La nuova differenziata inizia nel IV Municipio: si parte in autunno

Il progetto "pilota" del nuovo "Piano di sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti nella città di Roma parte nel IV Municipio. A novembre la fase operativa

Riguarderà tutto il IV Municipio e coinvolgerà circa 202mila cittadini il nuovo “Piano di sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti nella città di Roma”
Il progetto pilota ha ricevuto questa mattina il parere positivo della Commissione per l’Ambiente di Roma Capitale dopo essere stato illustrato a grandi linee dall’amministratore delegato e dal presidente di Ama, Salvatore Cappello e Piergiorgio Benvenuti.

Sulla base delle linee guida del Piano di sviluppo della raccolta differenziata elaborato da Roma Capitale-Ama-Conai e presentato a giugno con il contributo del Ministero dell’Ambiente, si è deciso di focalizzare l’attenzione e partire da un unico Municipio dove fosse possibile, prima di tutto, applicare integralmente il nuovo modello: per la presenza di aree “verdi”, ovvero aree particolarmente vocate per il “porta a porta” (edifici piccoli, bassa densità abitativa, ampi spazi condominiali per il posizionamento dei bidoncini); per la coesistenza di esperienze di raccolta “duale” da riconvertire nella raccolta stradale sperimentale (conferma della raccolta dei rifiuti organici non più con mezzi “mobili” a orario, bensì con cassonetti stradali appositamente dedicati e dotati di badge per l’apertura individuale); per la possibilità di collocare da subito, in tutto il territorio, le campane stradali per separare il vetro (i contenitori blu resteranno ma saranno dedicati al multimateriale leggero: plastica e metalli).

Un altro criterio molto importante, che ha determinato la scelta tecnica finale, è costituito dagli aspetti logistici: presenza nell’area di almeno una rimessa Ama per minimizzare gli spostamenti dei mezzi di raccolta (Salario), presenza di isole ecologiche (Ateneo Salesiano, Bufalotta), sedi operative adeguate per il personale, ecc. Questo primo step del nuovo Piano di sviluppo della raccolta differenziata ha l’obiettivo di portare la raccolta differenziata a Roma al 30% entro quest’anno, così come previsto, per altro, dal “Patto per Roma” siglato dal Ministero dell’Ambiente, dal Commissario delegato per il superamento dell’emergenza ambientale, dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma e dal Comune di Roma Capitale che è stato presentato ieri. Gli obiettivi della seconda e terza fase sono di salire rispettivamente al 40% nel 2013 e al 50% nel 2014, raddoppiando la quota di rifiuti da avviare a riciclo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Esprimiamo grande soddisfazione – affermano Cappello e Benvenuti - per il parere favorevole sulla scelta formulata da Ama espresso sia dalla commissione consiliare che dagli altri organi politici competenti: l’assessorato all’Ambiente di Roma Capitale, a cui spetta di predisporre gli atti amministrativi per cambiare il modello di raccolta dei rifiuti, e il presidente del IV Municipio, la cui collaborazione sarà essenziale per la piena riuscita del progetto. L’azienda, a questo punto, completerà il confronto con le organizzazioni sindacali e avvierà da subito un confronto con le associazioni ambientaliste e le associazioni civiche territoriali, per poi iniziare, da settembre, le attività territoriali propedeutiche (incontri sul territorio, comunicazione ai cittadini, ecc.) e passare entro novembre alla fase operativa”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento