menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di StockSnap da Pixabay

Foto di StockSnap da Pixabay

In Municipio III il Natale è “Senior”: sotto l’albero degli anziani più fragili una card solidale

La prepagata servirà per acquisti alimentari o di prima necessità: ne saranno distribuite 676 in tutto il territorio

Sotto l’albero dei centri anziani del Municipio III un dono per chi è più fragile. Si chiama Natale Senior 2020 l’iniziativa del Roma Montesacro che consegnerà ai cittadini over 65 più vulnerabili iscritti in uno dei 13 centri sociali anziani del territorio  676 carte prepagate, dal valore di 50 euro l’una, per acquisti alimentari o di prima necessità. 

Natale in Municipio III: una card solidale per gli anziani fragili

“Un piccolo gesto per non lasciare soli quanti stanno probabilmente affrontando uno dei periodi più complessi della propria vita. La fotografia impietosa scattata dalla Caritas e diffusa sulla crescita della povertà a Roma, infatti, impone un impegno serio ed immediato da parte di tutte le istituzioni per tentare, con ogni ragionevole mezzo, di mitigare una situazione di crescente disagio sociale ed economico che rischia di divampare pericolosamente” - ha commentato Giovanni Caudo, presidente del III Municipio.

Natale Senior 2020: chi ha diritto alla carta prepagata

“Il servizio Natale Senior 2020, reso possibile da una variazione di bilancio di 52.000 euro fortemente voluta e già affidato all’associazione AEP Petrarca, partirà immediatamente con la consegna delle prime trenta card ad anziani ultranovantenni in gravissime condizioni di disagio” - ha aggiunto l’assessora al Sociale del terzo, Maria Concetta Romano.
  
La lista delle persone aventi diritto, stilata dai presidenti dei centri sociali in questione, dovrà essere verificata dai Servizi sociali territoriali che si occuperanno, poi, della loro implementazione. 
 
“Non occorre ricordare che è proprio in prossimità delle feste di Natale che il senso di solitudine e di precarietà di molti viene dolorosamente acuito, così come un generale senso di sconforto e di abbandono. Per questo - ha concluso l'assessora Romano -, più forte e intensa deve risuonare la presenza e la voce delle amministrazioni, soprattutto di quelle più vicine ai cittadini: non intendiamo lasciare che nessuno sia solo”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento