MontesacroToday

Municipio III, approvate sei commissioni consiliari permanenti e l'istituzione di due speciali

Commissioni ridotte da otto a sei come da Statuto di Roma Capitale, Piazza Sempione incappa in un altro errore ma l'accordo fra i Gruppi consente la prosecuzione dei lavori

Che sarebbe stato così facile probabilmente non se l’aspettava nessuno, in 40 minuti netti il Consiglio del Municipio III di Roma ha approvato le sei commissioni consiliari permanenti e votato una mozione che auspica l’istituzione di due commissioni speciali per quei temi emergenziali da affrontare nella loro specificità.


Eppure la mattinata di Piazza Sempione non era affatto cominciata per il meglio: l’articolo 61 del Regolamento municipale, redatto nel 2004, prevedeva infatti che le commissioni consiliari permanenti fossero otto e non sei come invece prescritto dal nuovo Statuto di Roma Capitale, fonte alla quale il Consiglio del Roma Montesacro si è dovuto adattare prima con una Conferenza dei Capigruppo mattutina, nella quale sono state riordinate le competenze e ridisegnate le composizioni delle commissioni, e poi con il voto – unanime – alla modifica del regolamento in sintonia con la norma statuaria.


Un Consiglio filato liscio soprattutto per la disponibilità dimostrata dai gruppi dell’opposizione, che hanno tenuto a sottolineare il proprio atteggiamento nei brevi interventi in Aula:  “Non posso non far notare che un altro errore è stato commesso, se dovessimo fare la percentuale degli errori in rapporto ai consigli convocati sarebbe molto alta, ancor di più se considerassimo la natura e la qualità di tali sbagli” – ha detto il capogruppo del PdL, Cristiano Bonelli, rivolgendosi alla maggioranza e sottolineando come la prosecuzione dei lavori sia stata consentita "dal senso di responsabilità che i gruppi di minoranza anno voluto far prevalere".


“Prendiamo atto della disponibilità delle minoranze, l’interesse di tutti è tuttavia uno soltanto: lavorare per il territorio e in tal senso sono andate le scelte che, minoranza o maggioranza, abbiamo fatto. Nonostante l’errore, non mi sento di dire se ha vinto o perso qualcuno: abbiamo vinto tutti. Da oggi cerchiamo di mettere a disposizione le nostre capacità nell’interesse dei cittadini” – è stata la replica del capogruppo del PD, Mario Bureca.


Anche il Presidente del Consiglio, Riccardo Corbucci, prendendo atto dell’errore ha ringraziato tutti i gruppi politici che sin dal primo momento hanno collaborato per trovare una soluzione alla questione.


Da Piazza Sempione unanimità anche sulla mozione che auspica l’istituzione in tempi brevi di due commissioni speciali: “Credo che ci siano delle specificità di questo territorio che andrebbero affrontate in maniera particolare, puntuale e seria e credo che ci siano degli argomenti che debbano essere approfonditi dai consiglieri municipali” – ha detto Francesco Filini di FdI, invitando i suoi colleghi a votare in modo favorevole il documento firmato da tutti i capigruppo e sottolineando che tali istituti non comporteranno alcun costo aggiuntivo per l’amministrazione “poiché con i lavori del Consiglio a pieno regime - ha spiegato - ogni consigliere, entro le prime due settimane del mese, raggiungerà sicuramente i 15 gettoni che gli vengono erogati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Ridotte dunque a sei le commissioni consiliari permanenti - con l’accorpamento di Politiche Scolastiche, Culturali e Sport – ora Piazza Sempione dovrà decidere quali temi trattare nelle due speciali: uno probabilmente potrebbe essere quello legato all’emergenza abitativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento