Montesacro Montesacro / Piazza Sempione, 15

Bando centri sportivi, a Montesacro Pd sulle barricate: "Pasticcio a Cinque Stelle"

Dura la critica dei consiglieri Dem al bando sull'affidamento delle palestre scolastiche: "Si punta a migliore offerta economica e non a miglior progetto sportivo: così si torna indietro di 30 anni"

"Pasticcio a Cinque Stelle" - non usano mezzi termini dal Pd del Municipio III per definire il bando sui centri sportivi municipali redatto dal M5s. 

“Il prossimo 26 giugno scadranno i termini del bando per l'affidamento delle palestre scolastiche per il triennio 2017-2020, ma già si paventano ricorsi al TAR" - fanno sapere i consiglieri Dem, Paolo Marchionne e Federica Rampini, sottolineando come per la prima volta vengano assegnati trenta punti per la realizzazione di opere a carico delle associazioni, interventi di manutenzione straordinaria finanche l'adeguamento normativo sulla sicurezza delle palestre.

"In fase di studio del bando abbiamo più volte espresso le nostre perplessità sull'inserimento di criteri economici. Infatti la ristrutturazione del patrimonio pubblico dovrebbe essere a carico dell'Amministrazione e non delle società sportive, inoltre introducendo il principio dell’economicità della proposta si crea la necessità di ricorrere al codice degli appalti e alla valutazione della migliore offerta economica" - hanno sottolineato l'ex minisindaco e la sua ex assessora allo Sport. 

"Siamo seriamente convinti che l'affidamento in gestione, da parte della pubblica amministrazione, di questo servizio suddiviso in fasce orarie, rientri in quello più ampio di servizi pubblici da sempre svolto da associazioni non a scopo di lucro. Per queste ragioni - hanno proseguito - riteniamo inopportuno l’applicazione del codice degli appalti che stravolge, in questa maniera, la natura di servizio pubblico dei Centri Sportivi Municipali relegandoli a mera competizione sulla migliore offerta economica per la ristrutturazione delle palestre e non al miglior progetto sportivo o alla qualità del servizio offerto". 

Da qui la protesta e la dura critica all'amministrazione: "Siamo di fronte all'ennesimo pasticcio del Movimento 5 Stelle al governo del Municipio III, che fa tornare indietro di 30 anni le politiche dello sport di base a Roma, non trattandole come un servizio, ma come una concessione di spazi pubblici qualsiasi. Atti scellerati che vedranno - assicurano Marchionne e Rampini - il Partito Democratico sulle barricate”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bando centri sportivi, a Montesacro Pd sulle barricate: "Pasticcio a Cinque Stelle"

RomaToday è in caricamento