Domenica, 24 Ottobre 2021
Montesacro Montesacro / Piazza Sempione, 15

Piazza Sempione resta vuota: tre giorni di festival cancellati dalla burocrazia

La kermesse Dem di Piazza Sempione si sposta nei circoli

Quattro giorni di dibattiti, spettacoli e intrattenimento gratuiti spazzati via dalla burocrazia. Succede a Piazza Sempione dove, dal 14 al 17 settembre, sarebbe dovuto arrivare il Festival dell'Unità organizzato dal Pd del Municipio III. Una piazza che però rimarrà vuota, preda della solita movida fatta di birre, drink e chiacchiere fuori dai locali del quartiere. 

Festival dell'Unità cancellato: mancano i permessi

"Tutti i mesi estivi li abbiamo passati a presentare progetti e planimetrie, e infine venerdì scorso siamo stati chiamati a partecipare alla conferenza dei servizi, dopo un già lungo iter burocratico, per il rilascio di tutti i permessi necessari, con 25 soggetti diversi", hanno scritto in una nota la segretaria del Pd del III municipio Paola Ilari e il capogruppo Pd Paolo Emilio Marchionne

Un mese di dibattiti nei circoli Pd del Municipio III

Fatiche vane: a una manciata di giorni dall'inizio della kermesse i permessi ancora non sono stati rilasciati costringendo gli organizzatori a cambiare il piano. I quattro giorni di eventi a Piazza Sempione saranno  sostituiti con un mese di dibattiti e incontri nei circoli territoriali del Pd. 

Iter burocratico oneroso e impegnativo

"Siamo sicuri che l'iter burocratico al quale è stato sottoposto il Pd sia lo stesso di tutti gli eventi che sono attualmente in corso nel territorio e sarà lo stesso per gli altri che ci saranno per il futuro. Una trafila che rende impervio, se non impossibile, per qualsiasi associazione di volontariato riuscire a organizzare una manifestazione gratuita e popolare" - tengono a sottolineare Ilari e Marchionne paragonando quanto accaduto per il Festival dell'Unità alla delibera che obbliga i volontari del decoro a munirsi di polizza assicurativa e permessi stringenti. 

"Così come si pretende da chi vuole ripulire un giardino pubblico o un'area giochi comunale il pagamento di una polizza assicurativa, allo stesso modo chi vuole promuovere il confronto delle idee, attivare partecipazione e attività culturali gratuite, è sottoposto a un iter burocratico fin troppo oneroso e impegnativo, che non ci ha permesso, ad oggi, - concludono i due Dem - di poter tenere la nostra festa in piazza Sempione a causa del mancato rilascio dei permessi necessari".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Sempione resta vuota: tre giorni di festival cancellati dalla burocrazia

RomaToday è in caricamento