rotate-mobile
Montesacro Montesacro / Viale Adriatico, 140

Tubi collassati, crolla il controsoffitto della scuola: “Due anni di segnalazioni, ma nessuno ci ha ascoltati”

Il cedimento nell’IC Montessori di Montesacro nel week end con le aule fortunatamente vuote: pavimenti allagati, detriti su banchi, sedie e cattedre

Le aule allagate, i calcinacci in frantumi su banchi e cattedre, i soffitti “bucati” con i cartelloni appesi alle pareti strappati, tirati giù dai pannelli collassati. E’ uno scenario apocalittico quello che questa mattina si è trovato davanti il personale dell’Istituto Comprensivo Maria Montessori, nel cuore di Montesacro. In alcune aule e in parte dei corridoi è crollato il controsoffitto, collassato dopo l’esplosione dei tubi dell’acqua. Scuola chiusa e verifiche in corso. Cancelli serrati: oltre 400 alunni, tra bambini della materna e ragazzi delle medie, sono stati rimandati a casa una volta arrivati davanti al 140 di viale Adriatico. 

Montesacro, crolla il controsoffitto dell'IC Montessori

“Alla Montessori si è sfiorata la tragedia, una di quelle annunciate” - tuona la consigliera di FdI, Giordana Petrella. “Sono due anni che nell’istituto comprensivo di viale Adriatico continuiamo a denunciare una situazione di pericolo, ma nessuno ci ha ascoltati”. In passato già notate infiltrazioni e piccoli distacchi dal controdoffitto, “tant’è - racconta Petrella - che anche all’inizio dell’anno scolastico alcune classi erano state trasferite in corridoio e in biblioteca”. 

Montesacro, crolla controsoffitto a scuola 

Alla fine i tubi hanno collassato, portandosi dietro il controfitto crollato su banchi, sedie e cattedre. “Fortunatamente è successo durante il week end, ma se fosse accaduto nel corso delle lezioni sarebbe stato devastante. Sono due anni che dico che servono interventi strutturali alla base e non solo rattoppi”. Grande lo spavento, altrettanto il sollievo nel sapere che le aule e i corridoi al momento del cedimento erano vuoti.

“Il Presidente di questo Municipio (Giovanni Caudo ndr.) - l’attacco politico di FdI al minisindaco in corsa verso il Campidoglio - faccia il presidente e non solo il candidato alle primarie per sindaco di Roma”.

Caudo chiama Raggi e Meleo: "Non si può sperare nella fortuna"

“Il crollo di una parte del controsoffitto della scuola I.C. Maria Montessori di viale Adriatico, che ha interessato alcune aule,  è avvenuto a causa della perdita di un tubo dell’impianto di riscaldamento. Al momento, la ditta del SIMU di Roma Capitale è sul posto per verificare le cause e predisporre i primi interventi. Noi, come Municipio, abbiamo nel programma delle opere pubbliche quasi 2 milioni di risorse per le scuole ma non possiamo intervenire sugli impianti" - ha fatto sapere il presidente del Municipio III, Giovanni Caudo. "Ho avvertito subito la Sindaca e l'assessora Meleo: occorre un intervento strutturale, urgente e straordinario, per rifare la rete di distribuzione dell'impianto termico, lo chiediamo da tempo ma, come al solito, perché qualcosa si muova bisogna arrivare a sfiorare la tragedia. Quest’assurda situazione si è venuta a creare a causa del rimpallo di responsabilità tra comune e Regione - che detiene la proprietà della scuola - per capire chi debba occuparsi della manutenzione straordinaria. C'è in corso un contenzioso tra Comune e Regione che dura da anni e che ha procrastinato nel tempo interventi di manutenzione straordinaria assolutamente necessari. Da quasi tre anni reclamiamo interventi strutturali nelle nostre scuole. Ma, al di là di qualche promessa vaga, poco è stato fatto. L'inazione su strutture compromesse da tempo rischia di essere un atto totalmente irresponsabile. Siamo stati fortunati che il crollo si sia verificato di notte, con le aule vuote. Le istituzioni non possono contare sulla fortuna. Chiedo che, al di là delle competenze che poi si chiariranno, si intervenga subito per consentire il rientro delle bambine e dei bambini nelle aule. Dal colloquio con l'assessora Meleo ho avuto rassicurazioni in tal senso”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tubi collassati, crolla il controsoffitto della scuola: “Due anni di segnalazioni, ma nessuno ci ha ascoltati”

RomaToday è in caricamento