rotate-mobile
Montesacro Esquilino / Piazza dei Cinquecento, 1

Montesacro, l'assessore contro L'Infinito sulla scalinata: "È un pugno nell'occhio"

Christian Raimo critica l'opera realizzata da artisti e volontari. Il Comune la esalta: "Un bellissimo angolo di città dove ci 'sovvien l’eterno'.."

“Questa scalinata ora è un pugno in un occhio”. Non usa mezzi termini l’assessore alla Cultura del Municipio III, Christian Raimo, per descrivere l’opera d’arte realizzata dai volontari sulla scalinata di via Tremiti. Parliamo della poesia de L’Infinito riportata sui gradini di Montesacro, precedentemente liberati da erbacce, scarabocchi e sporcizia: un progetto artistico dell’associazione 99 non è cento-APS realizzato insieme ad Arte e Città a Colori e Retake. 

Montesacro, i versi di Leopardi sui gradini: "E' pugno nell'occhio"

“A me sembra un brutto precedente, nonostante sia una decisione avvalorata anche dal nostro municipio e dalla mia Giunta, e da me compreso, che ho accettato un compromesso. Io ho seguito il volere della maggioranza, perché stimo molto il lavoro degli altri assessori, del presidente, dei cittadini di buona volontà, e la capacità di tenere insieme le differenze di vedute all'interno di una dialettica democratica. Però penso che dobbiamo porre al centro del dibattito sulla città questo tipo di interventi che hanno come presupposto ideologico e politico un'equazione falsa, ossia che decoro sia uguale a arte. Decoro è l'opposto di arte, ma è anche una cosa molto diversa da tutela del patrimonio. Chiunque abbia studiato un minimo di storia dell'arte, di estetica, - sostiene Raimo - riconosce come nell'idea di arte e di tutela del patrimonio viva un orizzonte diverso: quello della ricerca e della condivisione di sapere”. 

La street art si fa poesia: i versi di Leopardi sulla scalinata di Montesacro

La scalinata poetica che piace ai cittadini, al Municipio e al Comune

Eppure la scalinata “poetica” a Montesacro è già diventata meta di pellegrinaggio, tantissime le persone che in via Tremiti scattano foto e selfie per immortalare la novità. L’opera piace al Municipio III e al Comune. “Portare decoro e poesia dove prima c’era degrado. È successo sulla grande scalinata di via Tremiti, che da luogo di sporcizia e graffiti si è trasformata nientemeno che in un omaggio a Giacomo Leopardi” - ha scritto il presidente della commissione ambiente, Daniele Diaco, dando merito all’impegno di artisti e volontari, allo street artist Mr.Ent. “Risultato: un bellissimo angolo di città dove ci “sovvien l’eterno”...Noi ringraziamo tutti i cittadini impegnati nel progetto e la nostra Sindaca, per la ricettività mostrata verso questa iniziativa. E chissà se qualche nuovo poeta romano non ne verrà ispirato”. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montesacro, l'assessore contro L'Infinito sulla scalinata: "È un pugno nell'occhio"

RomaToday è in caricamento