MontesacroToday

Via Salaria 971, Pd: "Drammatica situazione di molte famiglie dopo gli sgomberi di Alemanno"

Conferenza stampa del Pd davanti al centro di accoglienza di via Salaria. Alcune famiglie divise dopo gli sgomberi, per il Pd la struttura è precaria

Civici 981 e 971. Sono solo due numeri. Eppure a questi due numeri sono collegate due serie problematiche che affliggono via Salaria: l’una, quella dell’impianto Ama, a pochi metri dall’altra, quella del centro di accoglienza.

Dopo mesi in cui si è sentito parlare del centro di smaltimento rifiuti, adesso i riflettori si accendono anche sul centro di via Salaria 971, in cui attualmente sono presenti oltre 300 Rom.
Questa mattina il Partito Democratico ha tenuto una conferenza stampa davanti al centro di accoglienza per rendere note le difficoltà di numerose famiglie che gravitano nella zona del centro, ma anche la situazione precaria della struttura.
“Centinaia di persone si trovano qua fuori nella speranza di essere ospitate. Alcuni sono andati a chiedere un appuntamento con il Dirigente del V Dipartimento per spiegare la situazione, ma lui naturalmente ha altro da fare. In più da due anni ci sono problemi sulla sicurezza di adulti e bambini in questa struttura, dove le condizioni igienico-sanitarie sono molto precarie, qui la gente vive con il neon sempre acceso giorno e notte, per separare gli spazi usano delle tende e coperte per avere un minimo di privacy”, spiega il Capogruppo Pd del IV Municipio Paolo Marchionne, presente oggi insieme ad altri esponenti del Pd capitolino e municipale, fra cui Paolo Masini, Marco Palumbo, Paola Ilari, Fabio Dionisi.

Una donna di etnia Rom che vive nel campo ci  spiega: “Io vivo qui dentro da due mesi con mia zia, invece mio figlio e la mia nipotina stanno per strada: lei va a scuola a Settebagni e non sappiamo dove lavarla. Quando esce dalla scuola viene qui fuori e io le porto un po’ d’acqua e la lavo qui. La notte dorme nella macchina con mio figlio e mia nuora, da quando li hanno mandati via dal posto lungo il fiume. Noi ringraziamo di stare in questa struttura, ma non possiamo stare separati, quando farà freddo non posso lavare mia nipote per strada”.
La storia di questa donna è uguale a quella di altre persone ospitate nel centro che si sono viste dividere da alcuni familiari, i quali, per restare vicini al centro di accoglienza, si erano accampati lungo il fiume e sono stati recentemente sgomberati. Ad oggi, dunque, i familiari rimasti “fuori” fanno la spola tutto il giorno davanti al centro, e alcuni la notte restano a dormire nelle macchine parcheggiate in prossimità della struttura.

Il Pd capitolino e municipale critica quindi il piano nomadi di Alemanno, per il quale la relazione stilata e diffusa dal Pd riferisce che “tra la gestione commissariale e quella ordinaria, siano già stati spesi oltre 2,5 milioni di euro, molti dei quali assorbiti dalle operazioni di sgombero e demolizione dei campi abusivi e per il recupero e la gestione del centro di via Salaria 971. Nessuna risorsa invece è stata impiegata per progetti finalizzati all’integrazione e all’uscita dal centro di accoglienza, minori compresi, per sua stessa definizione luogo transitorio di prima accoglienza dopo gli sgomberi”. Nella relazione si legge anche: “Il 13 Marzo 2010 Alemanno annunciò la chiusura dell’ex cartiera con un’intervista rilasciata al quotidiano il Messaggero. In contrasto totale con quelle dichiarazioni il Comune ha provveduto ad ampliare la struttura, recuperando altri spazi”.
Il Pd chiede quindi al Sindaco di Roma quali misure abbia intenzione di prendere per risolvere la situazione di via Salaria 971, “considerato che gli sgomberi fatti sono risultati solamente drammatici e inutili”, ha dichiarato Emanuela Droghei del Pd.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento