MontesacroToday

Sorpresa a Serpentara: riaffiorano reperti archeologici

Sarebbe una tomba romana quella emersa in via Zirardini durante alcun lavori di ACEA per il potenziamento della rete elettrica: sulla datazione ancora riserbo e incertezza

foto archivio: cisterna romana via Zirardini ricoperta di terra

Tesori nascosti che riaffiorano proprio quando e dove meno li si aspetta. Roma non smette di stupire e di regalare ai cittadini di oggi quel che fu dei loro avi: l'ultimo ritrovamento a Serpentara dove durante alcuni scavi di ACEA in via Zirardini sono emersi dei reperti archeologici. 

Così un consueto e banale intervento per il potenziamento della rete elettrica si è trasformato in una scoperta: nulla di insolito per la Capitale che adesso attende di saperne di più su quella che, in base ai primi rilievi, sembrerebbe una tomba romana sulla cui datazione però ci sono ancora riserbo ed  incertezza. 

Già sul finire del 2010, sempre in via Zirardini, venne alla luce una cisterna romana parte integrante della storica Torre Serpentara: una zona quella, come molte altre nel Municipio III, che sembra godere di una certa rilevanza archeologica che dovrà dunque essere necessariamente tutelata e valorizzata. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento