MontesacroToday

Giardini largo Labia: a un mese dall'inaugurazione vandalismo, immondizia e giochi rubati

L'area verde, porta del Parco delle Sabine, già nel mirino dei vandali: panchine scritte, fontane senz'acqua e cestini stracolmi con i rifiuti riversi in terra

Fontane spente senz'acqua, il bianco lucente delle panchine imbrattato da scritte realizzate con bombolette spray così come il pavimento di uno dei vialetti; cestini stracolmi con i rifiuti finiti in terra tra le aiuole e, come se non bastasse, giochi ottici divelti e fatti sparire. 

Così appaiono oggi i giardini di Largo Labia inaugurati appena un mese fa dopo un'attesa durata anni: punto di ritrovo e aggregazione tra Serpentara e Fidene, una delle porte del Parco delle Sabine finita però subito nella morsa di vandalismo e incuria.

Ancora chiuso pure il punto di ristoro quello che dovrà divenire un 'Social bar': in via di espletamento infatti il bando di gara per l'assegnazione del manufatto e di tutte quelle attività collaterali collegate alla sua gestione tra cui appunto manutenzione del verde, cura delle fontane, apertura e chiusura degli ingressi e controllo serrato su stato e sicurezza dell'area ludica.

Mentre però la burocrazia fa il suo corso a Largo Labia la situazione - ad appena un mese dall'inaugurazione tanto attesa - non è delle più rosee soprattutto a causa dell'inciviltà dei suoi fruitori e di una manutenzione - più di ogni altra cosa lo svuotamento dei cestini dell'immondizia - che, a differenza delle fontane, sembra davvero far acqua da tutte le parti. 

C'è dunque da sperare che, con il bando per l'assegnazione del punto ristoro chiuso lo scorso 24 luglio, questo sia solo il risultato di un primo difficile periodo di assestamento e che quei giardini che questa parte di territorio ha atteso per anni possano finalmente divenire davvero uno spazio pubblico di qualità, una piazza decorosa e pienamente fruibile per gli abitanti di Fidene e Serpentara. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento