MontesacroToday

"Basta roghi criminali", lenzuola bianche anche a Serpentara

La protesta silenziosa contro i fumi "tossici" arriva anche nel Municipio III: striscione in via Talli. Intanto i Comitati cittadini si organizzano per dire basta ai fuochi acri che investono la Capitale da nord a sud

Lenzuola bianche con messaggi diretti e ben impressi in nero contro i fumi "tossici" che vessano la città da Tor Sapienza a Labaro, da Sacco Pastore a Ponte di Nona e Quintiliani. Un fenomeno - quello dei roghi acri e maleodoranti, spesso scatenati da campi rom e soprattutto insediamenti abusivi - che accomuna molte zone della Città e che esaspera in particolar modo le periferie. 

Nubi dense e nauseabonde che rendono l'aria irrespirabile, da qui la protesta silenziosa ma mirata di un coordinamento di Comitati romani che ha lanciato l'iniziativa: lenzuola bianche appese a finestre, ponti e cavalcavia per dire basta ai roghi tossici e rompere il silenzio istituzionale. 

La pratica, che ha subito preso piede in molte zone della città, è arrivata anche a Serpentara dove ieri nei pressi di via Virgilio Talli è stato esposto un lenzuolo con la scritta "Basta roghi criminali". 

Nel Municipio III le problematiche più rilevanti si registrano a Conca d'Oro fronte Parco delle Valli, a Città Giardino nei pressi di via Monte Nevoso ma soprattutto nella zona dell'Espero sopra a Stazione Nomentana: qui, nonostante il recente sgombero, tutte le sere i fumi acri investono Via Val D'Aosta, via dei Campi Flegrei e buona parte del quartiere Africano. Non a caso proprio da tale area è partita la raccolta firme indirizzata al Prefetto di Roma, Franco Gabrielli: un modo ulteriore, dopo gli incontri a Piazza Sempione, per dire stop ai roghi e per chiedere che il fenomeno venga affrontato e risolto una volta per tutte. 

Una problematica, quella dei fumi "tossici", annosa e spinosa con i controlli a rappresentare oggi l'unico strumento a disposizione - evidentemente debole e inefficace -  per tentare il ripristino della legalità. Intanto però le nubi acri e maleodoranti continuano ad investire i quartieri di Roma sottolineando la sconfitta di politica e Prefetti


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus, a Roma 1362 nuovi casi. Nel Lazio 59 morti nelle ultime 24 ore: mai così tanti da inizio pandemia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento