MontesacroToday

Ama Salaria, settimana di aria irrespirabile per Villa Spada e Serpentara

Nasi turati per residenti e lavoratori, Ama: “Disagi dovuti a lavori di manutenzione. Presto benefici per l’area”

Lacrime agli occhi, nasi turati e nausea: settimana infernale in quel di Villa Spada e Serpentara sottoposte ai miasmi provenienti dall’impianto Ama di via Salaria.


Numerose le segnalazioni dei residenti e dei lavoratori delle aziende che sorgono sulla consolare: aria irrespirabile sin dalle prime ore del mattino, case e uffici costretti a tenere le finestre serrate, pedoni con il fiato sospeso e per tutti una buona dose di indignazione.


Le denunce sono arrivate sul tavolo dell’Ama che attraverso il proprio ufficio stampa ha assicurato che i disagi, causati dallo svuotamento del locale adibito alla ricezione dei rifiuti funzionale ai lavori di manutenzione straordinaria al trituratore CDR (Combustione da Rifiuto), termineranno nella giornata di domani.


“I lavori – ha sottolineato la municipalizzata - permetteranno di migliorare ulteriormente la qualità ambientale dell’area con benefici evidenti”.


Intanto in quei quartieri del Montesacro, in lotta per la delocalizzazione dell’impianto da tre anni, cresce l’attesa per l’agognata chiusura che – secondo gli impegni dell’amministrazione municipale – dovrebbe avvenire entro il 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento