MontesacroToday

“Mi piace che non si dia parola ai Comitati”, bufera sul consigliere di SeL

Nel Municipio III scontro tra i Comitati di Quartiere e l'esponente della maggioranza di centrosinistra, Cesare Lucidi. Salviamo Prati Fiscali: "Dimissioni sarebbero gradite"

“L’altra cosa che mi piace tanto è che non si dia la parola ai Comitati, questi Comitati che li considero poco o niente, perché fatti da due tre persone che mettono bocca su tutto e contro poco e niente” – queste le parole del consigliere di Sinistra Ecologia e Libertà, Cesare Lucidi, pronunciate nella scorsa seduta del Consiglio di Piazza Sempione che hanno mandato su tutte le furie i Comitati di Quartiere del Municipio III.

Da Serpentara così come da Colle Salario non stanno a guardare e replicano all’esponente di SeL con uno stralcio del Regolamento Municipale, quello approvato di recente che ha in una delle sue parti più innovative e importanti riferimenti espliciti all’importanza della partecipazione e dei Comitati stessi.

“Il Municipio Roma III Montesacro valorizza i comitati di quartiere, l’associazionismo di base e le organizzazioni di volontariato, la cui consultazione sarà sempre garantita” – si legge infatti nel documento.

Tanti i cittadini che nel fiume di commenti sui social condannano le parole di Lucidi, riportate testualmente dal CdQ Serpentara. Severo e categorico il ‘Salviamo Prati Fiscali’ che non fa troppi giri di parole e chiede le dimissioni del consigliere di SeL, reo di aver rilasciato “dichiarazioni incaute” e di avere “una visione della realtà totalmente distorta e viziata da chissà quali convincimenti personali”.

“Per la Costituzione e per il Codice civile, i Comitati non mettono bocca o chissà cosa, ma esercitano un libero diritto, anche se - spiega il Presidente del CdQ ‘Salviamo Prati Fiscali’ - composti da due o tre persone e sono degni di considerazione. Se il Sig. Lucidi vuole toglierci la parola, noi chiediamo che venga dignitosamente tolta a lui per il solo fatto che le sue dichiarazioni pubbliche sono in contrasto con la nostra Carta Costituzionale. Per questo chiederemo al Presidente della Repubblica di intervenire. Nel frattempo – chiosa Corsi - se si dimettesse sarebbe molto gradito”.

Così dopo lo ‘scontro social’ del 2013, i contrasti sui temi che riguardano il territorio – edificazione di Piazza Minucciano, ciclabile sul Viadotto dei Presidenti, Tpl, dirette streaming in ritardo e bilancio “poco partecipato” – si riaccendono gli attriti tra i Comitati e la maggioranza di Piazza Sempione. Questa volta però non si tratta solo di semplici opinioni divergenti, le scuse - qualora arrivassero - forse non basteranno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento