rotate-mobile
Conca d'oro Conca d'Oro / Viale Val Padana

Storni e guano assediano il Valli: il "grido d'angoscia" è dei residenti

Nel quartiere del Municipio III marciapiedi e strade scivolosi oltre a cattivo odore diffuso. FdI: "Il Comune intervenga"

Le automobili tempestate di escrementi, i marciapiedi che da giorni sono un tappeto fitto di guano, scivolosi e pericolosi per tutti così come le strade ormai totalmente invase da quello strato viscido e maleodorante: al Valli è assedio di storni e guano.

Storni e guano assediano il quartiere Valli

Da circa dieci giorni il quartiere del Municipio III denuncia la presenza, invadente e fastidiosa, degli storni che, oltre a disegnare spettacolari figure sul cielo sopra il Parco delle Valli, rendono la zona invivibile. 

Marciapiedi a rischio scivoloni, parabrezza delle auto imbrattati: che dire poi di quel cattivo odore diffuso ovunque che, soprattutto dopo qualche goccia di pioggia, si fa più soffocante. "Escrementi e cattivi odori ovunque" - denunciano i residenti. "Auto sporche, marciapiedi scivolosi e rischio per la salute" - incalzano in un fiume di commenti sui social.

Un grido d'allarme che arriva anche dal Comitato di Quartiere Valli Conca d'Oro: "Dalle prime ore del tardo pomeriggio siamo assediati con conseguenze devastanti su tutta la zona: guano ovunque e fetore diffuso" - ha detto a RomaToday Andrea Iacovitti, del CdQ. "Oltre allo sporco e all'odore nauseabondo è soprattutto una questione di igiene e con il passare dei giorni, senza alcun intervento, rischia di aggravarsi. Non vorremmo fare la fine del Lungotevere"  - ha aggiunto Iacovitti, facendo riferimento all'emergenza che causò una serie di incidenti e la chiusura della strada per dieci ore. 

Al Valli il "grido d'angoscia" è dei residenti

Era il 2016 e per quell'anno il Comune corse ai ripari affidando il servizio di "distress call", il grido d'angoscia che disperde e allontana gli storni, per 37mila euro con la medesima gara allora già pronta e prevista per la copertura di tutto l'anno successivo.  

"Quest’anno, a quanto pare, risparmieremo quei soldi: il grido di angoscia lo emetteranno direttamente i residenti mentre percorreranno Via Val Padana in mezzo al degrado, ai rifiuti e adesso anche al tappeto di guano" - ha scritto la consigliera di Fratelli d'Italia in Municipio III, Giordana Petrella, che insieme ai consiglieri comunali Andrea De Priamo e Francesco Figliomeni, ha chiesto formalmente informazioni riguardo i fondi messi a disposizione per quel tipo di interventi.

L'interrogazione a Sindaca e Giunta

Già inoltrata l'interrogazione a Sindaca e Giunta. L'obiettivo del documento firmato da De Priamo è quello di sapere se in bilancio sia stata prevista una somma per le misure di dissuasione e allontanamento dei volatili e bandita quindi una gara per il 2018-2019. "Tale esigenza - ha scritto il consigliere di Fratelli d'Italia interrogando la Giunta anche sull'esistenza di un piano operativo - deriva dalla necessità di garantire sicurezza, vivibilità e igiene pubblica nonchè la tutela dei beni pubblici e privati". 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storni e guano assediano il Valli: il "grido d'angoscia" è dei residenti

RomaToday è in caricamento