Mercoledì, 22 Settembre 2021
Conca d'oro Montesacro / Piazza Conca d'Oro

Conca d'Oro, dopo lo sgombero "nomadi accampati nel parco e nei giardini"

Ancora bivacchi di rom e indigenti nel quartiere Valli, la denuncia da parte del consigliere di FdI-AN, Francesco Filini: "Il Municipio III risponda su decoro, legalità e tutela minori"

foto archivio: nomadi post sgombero luglio 2014

E' passato poco meno di un mese dal grande sgombero nel Parco delle Valli sul lato di Val D'Ala, nell'occasione 38 le baracche abbattute con 30 persone - tutte di nazionalità romena - identificate e sei minori. Un'operazione attesa da tempo con parte del quartiere a denunciare fumi nauseabondi e l'odioso fenomeno del rovistaggio, un intervento che però - a quanto viene segnalato da quella zona - sembra non aver risolto affatto tutte le problematiche connesse alla presenza, adesso ridotta ma pur sempre costante, degli insediamenti abusivi. 

Mentre infatti Piazza Sempione è alla ricerca di progetti sociali e culturali per la riappropriazioni di quegli spazi della Riserva Naturale per strapparli a tendopoli e illegalità, i residenti e l'opposizione di centrodestra sottolineano la presenza di gruppi di nomadi accampati ancora nel Parco delle Valli e nei giardini di via Val Padana, "ormai preda di sbandati e divenuti off limits per gli abitanti" - denunciano da Conca d'Oro. 

Così sulla questione, per capire anche quali provvedimenti siano stati presi in materia di assistenza alloggiativa e soprattutto tutela dei minori, è stata protocollata un'interrogazione al Presidente del Municipio III, Paolo Marchionne. Nel documento, sottoscritto dal consigliere di FdI-An Francesco Filini, si chiede inoltre se il minisisndaco sia a conoscenza dei 'bivacchi' nel 'pratone di Conca d'Oro' e nei giardinetti nel cuore del Valli e nel caso quali siano state le iniziative intraprese "per impedire il degrado della zona e la tutela dei minori".

"Il degrado dei quartieri, in particolare quello di Conca d'Oro, ha raggiunto livelli mai visti prima" - sostiene infatti Filini sottolineando la presenza di un diffuso senso di insicurezza tra i residenti "sfiduciati e delusi per l'impunità di chi delinque".

Ripristino della legalità, tutela dei minori, contrasto alla mendicità infantile e più decoro quanto torna a chiedere dunque il quadrante Valli.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conca d'Oro, dopo lo sgombero "nomadi accampati nel parco e nei giardini"

RomaToday è in caricamento