rotate-mobile
Altre Settebagni / Via dello Scalo di Settebagni

Vandali alla Stazione Settebagni: murales sfregiati con bestemmie e ingiurie

L'atto vandalico ad un anno dalla realizzazione delle opere d'arte, il Comitato di Quartiere: "Atto ignobile, ripristinare pannelli"

Brutta sorpresa per gli utenti della Stazione Settebagni e per tutti gli abitanti del quartiere che sorge sulla via Salaria: nei giorni scorsi ignoti hanno sfregiato i murales realizzati appena un anno fa nello snodo ferroviario di Roma nord. 

Insulti, frasi oltraggiose e addirittura bestemmie quelle comparse sulle opere d'arte che avevano inaugurato il progetto della NSA Roma Nord 'Arte in Stazione e Città a Colori' portando a Settebagni un murale da 46 metri firmato da Jerico: noto e apprezzato street artist, maestro del ritratto e delle sue infinite possibilità espressive. Alla galleria di opere avevano partecipato poi molti altri artisti, insieme a volontari e studenti del territorio. 

Un gesto che ha fatto infuriare l'intero quartiere che ben aveva accolto l'arte in una stazione in progressivo abbandono tra isolamento e buio. 

"Un gesto che ha ferito l'intera comunità di Settebagni e che non può restare senza conseguenze. La speranza è che il Comune di Roma e il III Municipio vogliano provvedere quanto prima al ripristino del murales e all'immediata cancellazione delle scritte offensive" - ha detto Riccardo Corbucci, coordinatore del forum legalità del Partito Demcocratico di Roma e un anno fa consigliere di Piazza Sempione esprimendo solidarietà e sostegno alla professoressa Marina Fava, "che con la scuola e il quartiere si era adoperata per riqualificare la stazione della Fm1".

E Settebagni, colpito ma non affondato, non si è perso d'animo: immediata la reazione con la lettera del Comitato di Quartiere a RFI per chiedere il recupero dei pannelli e il ripristino dei murales.

"Nei pannelli sono presenti frasi oltraggiose e bestemmie per questo chiediamo il ripristino dei murales eseguiti lo scorso anno, al fine di evitare motivo di oltraggio per le scritte ma anche di gratuita pubblicità per i delinquenti responsabili dell'atto ignobile" - ha scritto il CdQ Settebagni alla Rete Ferroviaria Italiana e anche a Piazza Sempione.

La speranza è che dopo gli atti di vandalismo la Stazione Settebagni possa ritornare colorata senza offese e frasi scabrose: proprio come accaduto per quella Nomentana. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali alla Stazione Settebagni: murales sfregiati con bestemmie e ingiurie

RomaToday è in caricamento