rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Altre Settebagni / Via delle Lucarie

Settebagni, la pulizia straordinaria è una chimera: il quartiere è invaso dai rifiuti

Per la periferia lungo la Salaria non è bastato modificare la modalità, ossia il passaggio deciso dalla vecchia amministrazione comunale dalla raccolta porta a porta a quella stradale: "Qui è tre settimane che non passa nessuno"

“Siamo a tre settimane di mancata raccolta”. E’ questo il grido di allarme che arriva da Settebagni, il quartiere della periferia del Municipio III che sorge lungo la Salaria. Qui della pulizia straordinaria annunciata dal sindaco Roberto Gualtieri non ve n’è traccia, così come di quella ordinaria tanto che le strade della borgata si sono trasformate in vere e proprie discariche a cielo aperto. 

Settebagni invaso dai rifiuti 

Le situazioni più critiche in via Val d’Orcia e via Sant’ Antonio da Padova. Soffre anche via delle Lucarie dove pure un paio di giorni fa mezzi e operatori di Ama si erano visti. Lo scenario è da brividi: cassonetti stracolmi, completamente sommersi dai sacchetti della spazzatura. In particolare, anche se il giallo delle nuove pattumiere è praticamente nascosto dalle buste, è la plastica a non essere raccolta: così nei giorni crescono cumuli di bottiglie, imballaggi e confezioni. E se il cattivo odore, vista la natura del rifiuto e le temperature, non è un problema, lo è tutto il resto. Settebagni è un quartiere dove la raccolta è da sempre in crisi. 

Dal porta a porta ai cassonetti stradali: ma a Settebagni nessuno raccoglie i rifiuti

Non è bastato modificare la modalità, ossia il passaggio deciso dalla vecchia amministrazione comunale dalla raccolta porta a porta a quella stradale. Un passo indietro che l’allora assessora ai rifiuti di Roma Capitale, Katia Ziantoni, spiegava così: “La complessità urbanistica del quartiere, costituito da strade strettissime ed in salita, impedisce il regolare svolgimento del servizio con innumerevoli ripercussioni sugli utenti e sulle condizioni di sicurezza degli operatori”. Da qui la richiesta ad Ama di un piano per il ripristino dei cassonetti. Ma evidentemente il cambio non è bastato: Settebagni, nonostante anni passati “di fronte” all’ex TMB Salario, con i miasmi e i disagi del caso, resta dimenticato. Li nessuno va a raccogliere i rifiuti: che siano nei contenitori del porta a porta o nei cassonetti stradali. 

Rifiuti settebagni-4

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Settebagni, la pulizia straordinaria è una chimera: il quartiere è invaso dai rifiuti

RomaToday è in caricamento