menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casale Nei, quindici anni per avere la Piazza Archeologica: "Chiusa perchè senza collaudo"

L'opera a scomputo non è ancora nella disponibilità dei residenti, il minisindaco Caudo: "Acceleriamo procedure per restituire luogo di incontro a quartiere"

Le palazzine residenziali, tirate su intorno ad uno dei più grandi centri commerciali d'Europa, realizzate e vendute; le opere di urbanizzazione rilasciate a singhiozzo con Casale Nei che, sorto nel 2003, sta impiegando oltre quindici anni per spogliarsi delle vesti di "quartiere dormitorio", incompleto e per lungo tempo "area cantiere", e trasformarsi in una zona viva, vivibile e con spazi e servizi a disposizione dei residenti. 

Casale Nei: oltre quindici anni per la Piazza Archeologica

Li, tra Porta di Roma, Parco delle Sabine e Casal Boccone, manca ancora una centralità "sociale": la Piazza Archeologica, realizzata dal Consorzio a scomputo degli oneri concessori tra via Cesco Baseggio e via Ferruccio Amendola, non è ancora fruibile. 

Nonostante alcuni lavori di ammodernamento e restyling avviati nel 2016 la Piazza Verde di Casale Nei è chiusa: quasi del tutto completa ma non nella piena disponibilità degli abitanti del quartiere. A mancare il collaudo dell'opera. 

Casale Nei, il quartiere "area cantiere": 5mila abitanti nella "terra di nessuno"

La piazza chiusa perchè manca il collaudo

Una procedura il cui iter potrebbe riprendere proprio nei prossimi giorni: "Finalmente c'è un nuovo tecnico nominato nella commissione di collaudo che ha accettato l'incarico ed è stata convocata una riunione per domani (mercoledì 27 febbraio ndr.) presso il Dipartimento Pau per avviare le operazioni di collaudo. Speriamo sia la volta buona" - ha fatto sapere il presidente del Municipio III, Giovanni Caudo, assicurando come Piazza Sempione collaborerà con tutti gli uffici di Roma Capitale per fare in modo che i tempi per il collaudo siano celeri e che quindi i residenti possano finalmente usufruire di quello spazio di incontro. 

La città "rimane sospesa"

"Abbiamo preso l'impegno con i cittadini che avremmo operato per risolvere questa procedura che - ha concluso il minisindaco - lascia la città sospesa con aree dove sono stati spesi soldi pubblici ma inibite all'accesso dei cittadini". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento