rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
MonteMario Balduina / Piazza della Balduina

Voragine alla Balduina: il Municipio chiama, Acea non risponde

Il racconto kafkiano da parte dell'assessore Menna: "Abbiamo inviato diversi solleciti senza ricevere alcuna risposta". Gli interventi, salvo sorprese, dovrebbero chiudersi l'8 novembre

Il Municipio chiama ma Acea non risponde. Non è il titolo di un film ma la situazione che si è creata all’indomani della voragine che, lo scorso 9 ottobre, si è aperta in piazza della Balduina, all’altezza della Chiesa San Pio X. Il valzer kafkiano è stato raccontato oggi 25 ottobre, in Consiglio, dall’assessore locale ai Lavori pubblici e Urbanistica, Michele Menna.

In Aula il consigliere Mauro Ferri (Fratelli d’Italia) ha chiesto a Menna quale fosse lo stato dell’arte dei lavori e se, soprattutto, c’era una tempistica precisa sul termine degli stessi. La risposta non è tardata ad arrivare: “È stato dichiarato lo sgrottamento per la perdita di liquido da una condotta. A quel punto è intervenuta la ditta che si occupa della manutenzione stradale, anche se era competenza di Acea”. 

Tutto finito? Anche no. “Il Municipio ha dovuto provvedere al transennamento nonostante se ne sarebbe dovuta occupare l’Azienda, che è stata sollecitata il 13 ottobre”. Richieste di questo tipo sono susseguite fino al 24 ottobre ma senza ricevere chiarimenti. “Nel frattempo abbiamo scoperto che Acea – ha sottolineato Menna – a nostra insaputa ha fatto richiesta per dei cavi necessari per risolvere il problema in piazza della Balduina”.

Morale della favola: i lavori, salvo sorprese, dovrebbero terminare l’8 novembre. Intanto Acea, solo ieri, ha provveduto al transennamento dell’area con i propri mezzi. Tutto questo mentre Ferri ha suggerito all'assessore: "Serve più pressione". Non dell'acqua, ovviamente. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voragine alla Balduina: il Municipio chiama, Acea non risponde

RomaToday è in caricamento