MonteMarioToday

La scuola è invasa dai piccioni, guano ovunque. La furia dei genitori: “Chiamiamo i NAS”

Nella scuola dal cantiere infinito di via Taggia arrivano anche i volatili, escrementi su scale e corrimano. La preside: "Tanfo insopportabile, bambini accusano malesseri. Bisogna intervenire"

foto: scuola Taggia nel guano

Il nuovo anno scolastico per gli alunni della scuola di via Taggia, nel quartiere di Torrevecchia, si è aperto come si era concluso quello passato: sotto una cattiva stella. 

Torrevecchia: a scuola è invasione di piccioni e guano

Si perché i bambini della scuola Alberto Sordi oltre a dover convivere ancora con quel cantiere infinito e da mesi pure fantasma, al suono della prima campanella hanno trovato ad attenderli anche decine di piccioni. 

I volatili si sono insinuati nei pertugi di quel vano ascensore demolito e rimasto così. Già perché di quei lavori, iniziati nel 2015 con la fine prevista “entro il 2017”, alla Taggia mancano ancora scala antincendio, coperture e proprio vano ascensore. 

Così i piccioni, trovato il varco, si sono stabiliti nell’edificio scolastico sottoponendolo ad una vera e propria pioggia di guano. Escrementi concentrati su scale e corrimano, in particolare dal secondo piano al sottotetto. Tanfo ovunque. 

La preside denuncia: “Scuola invasa da guano e cattivo odore”

Inutili le segnalazioni della scuola al Municipio XIV con le prime a risalire addirittura alla primavera scorsa. “Siamo invasi dai piccioni che sporcano in modo esponenziale. Pulire ogni giorno non è bastato e non basta tutt’oggi. Il guano è ovunque. La puzza è insopportabile e ad ogni folata di vento si espande in tutta la scuola tant’è che molti alunni lamentano malesseri” – ha detto la Dirigente Scolastica della Alberto Sordi, Maria Ponticiello, in commissione in via Mattia Battistini. 

Il Municipio XI rassicura: “A breve problema risolto”

Sul piede di guerra mamme e papà. “I nostri figli sono costretti a stare in un ambiente insalubre e malsano. E’ inaccettabile” – urlano nella sede del Quattordicesimo. Qualcuno minaccia di non mandarli più a scuola finchè la situazione non sarà del tutto risolta. 

Nel mezzo rimpalli di competenze tra un ufficio e l’altro del Municipio, burocrazia e tempi tecnici. “Orientativamente tra una settimana interverrà la ditta incaricata. Risolveremo questo problema nel minor tempo possibile” – tentano di calmare gli animi l’assessora alla Scuola del XIV, Monica Ruffa e la presidente della relativa commissione, Livia Marigliano.

Genitori furiosi: “Chiamiamo i NAS”

Ma i genitori sono furiosi. “Sono mesi che facciamo presente la situazione e ad oggi nulla ancora è stato fatto”.

Mamme, papà, dirigenti e docenti arrivati in massa in via Mattia Battistini chiedono la chiusura di quelle fessure, la bonifica e la sanificazione degli ambienti: “Altrimenti – dicono – chiamiamo i NAS”. 

Nella scuola Taggia cantiere infinito

E per la scuola di via Taggia quello dei piccioni e del guano è solo la punta dell’iceberg di una situazione assai più complessa. I lavori, dopo la rimozione della vecchia ditta inadempiente, sono fermi: il SIMU ancora deve affidare l’appalto per lo stralcio rimanente. I tempi restano incerti così come il destino degli alunni: durante il nuovo cantiere i bambini dovranno essere spostati altrove ma la scuola Sacchetto, indicata come possibile destinazione, è ancora alle prese con i lavori che si sarebbero dovuti concludere a inizio settembre. Per loro dunque li non c’è posto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'odissea della scuola Taggia: fine lavori "entro il 2017", ma il cantiere è ancora aperto e fermo

L’inverno fa paura: “I nostri bambini rischiano di stare al gelo”

Intanto l’inverno è alle porte e nella scuola di via Taggia, tra cantiere fantasma, guano ovunque e palestra allagata ad ogni pioggia, cresce la preoccupazione: “Non vorremmo che i nostri figli, dopo anni di disagi, convivenza con i lavori e con la cacca dei piccioni, adesso debbano passare anche settimane al gelo”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento