Giovedì, 24 Giugno 2021
Torrevecchia Torrevecchia / Via Mattia Battistini, 464

Piano Regolatore Sociale Muicipio 19, Milioni: "Abbiamo i fondi necessari"

Dopo le proteste di Pd e Api e il voto contrario di Prc-Fds il presidente del Municipio 19 Alfredo Milioni commenta l'approvazione del Piano Regolatore Sociale e scava nel passato

Dopo le proteste di Pd e Api e il voto contrario di Prc-Fds il presidente del Municipio 19 Alfredo Milioni commenta l'approvazione del Piano Regolatore Sociale e scava nel passato. "Noi abbiamo approvato il Piano Regolatore Sociale con tutte le risorse a disposizione. Ci sono stati 15 voti favorevoli della maggioranza, solo Albanese non ha votato perché malato. Il piano, rispetto al 2008, quando c'era il centro-sinistra al governo, ha i fondi. Per ammissione dello stesso Fabio Lazzara, allora presidente, a pag 7 della delibera numero 3 del Piano Regolatore Sociale del 14 febbraio 2008, si legge: "Il piano è stato predsposto su bilancio di previsione del Municipio 2008-2010", però Lazzara dice che il Comune, con delibera di Consiglio Comunale 291 del 21-22 dicembre 2007 non rispetta il previsionale previsto dal Municipio, dunque al Municipio erano stati assegnati meno fondi di quelli richiesti dal Municipio stesso".

"Sono andato a controllare nella delibera di Lazzara e in effetti il Municipio 19 ha dato parere sulla delibera di bilancio comunale in data 13 dicembre 2007, ed ecco cosa emerge: Sulla voce assistenza domiciliare ai disabili il Municipio aveva chiesto che fossero stanziati 2.871.000 invece la giunta comunale ha stanziato 2.254.000, 600.000 euro in meno. Sulla voce riferita alle famiglie in condizione di disagio sociale avevano chiesto 200.000 euro, gliene è stato assegnato zero come fondi vincolati. Sulla voce fondi ordinari, sempre riferito alle famiglie di disagio sociale, avevano chiesto 350.000 euro, gliene erano stati assegnati zero. Quindi sono 550.000 euro in meno, 600.000 euro in meno per i disabili, totale 1.150.000 euro in meno. Per questo motivo - continua Milioni - Lazzara alla fine scrive che comunque gli assessori al bilancio e ai servizi sociali del Comune di Roma sono impegnati a trovare quei fondi. Pertanto, a fronte dell'impegno degli assessori a trovare i fondi, l'ufficio cabina di regia ha dato il parere di congruità tecnica ed economica pur essendo presenti le discrepanze tra previsionale del Municipio e bilancio approvato dalla giunta comunale. Infine, dopo le premesse, Lazzara scriveva: "E' quindi chiaro che qualora il ripiano delle differenze da parte del Dipartimento Quinto delle risorse necessarie per l'intero anno, così come previste nel bilancio di previsione non dovessero arrivare, questo provocherà il blocco dei servizi". Il presidente Milioni conferma che in fase di dichiarazioni di voto "ho fatto presente al capogruppo del Pd Antonio Posarelli che lamentava l'ipotesi che potessero mancare i fondi mentre non aveva battuto ciglio nel 2008 quando approvava un piano regolatore sapendo bene che in quel momento i fondi non c'erano".

"A parere del sottoscritto - continua il presidente del Municipio 19 - all'epoca fece bene perché era chiaro che in corso d'anno i fondi sarebbero arrivati. Cosa che puntualmente è accaduta e il Piano Regolatore Sociale si è potuto sviluppare nella sua interezza. A riprova della qualità del prodotto licenziato con il nostro Piano Regolatore Sociale, mi piace sottolineare il giudizio espresso dal Dipartimento V sul Piano Regolatore Sociale del 2008 e quello espresso sul nostro Piano Regolatore del 2011. Il Dipartimento V in data 18 gennaio 2008 scriveva: "Nell'apprezzare lo sforzo compiuto nella elaborazione del piano si suggerisce di definire con ulteriori dettagli le modalità di revisione ed eventuale aggiornamento annuale del piano". Per quanto riguarda il Piano Regolatore Sociale predisposto dall'Ufficio di Piano del Municipio, passato attraverso i tavoli di concertazione municipale (parrocchie, scuole, associazioni, cooperative) il giudizio è: "Sulla base di quanto emerso dal Piano Regolatore Sociale in oggetto si coglie l'occasione per esprimere apprezzamento in merito alla qualità del documento prodotto, in particolare per la profonda e dettagliata analisi sociologica che, permeando l'intero elaborato, indirizza e sostiene i servizi promossi sul territorio" in data 13 dicembre 2011.

Milioni sottolinea i passaggi più significativi del Piano Regolatore Sociale approvato.

- "Abbiamo riproposto, modificandolo, il progetto di inserimento lavorativo, integrato con la Asl, rivolto a cittadini segnalati dal servizio sociale e usciti dai percorsi assistenziali e che hanno problemi occupazionali legati a elementi di debolezza, come lungo periodo di disoccupazione, uscita anticipata dal mercato del lavoro in età avanzata, dunque le persone a rischio esclusione sociale. Questo progetto era stato inserito nel 2008. A differenza del centro-sinistra, se un progetto va bene, noi lo riprendiamo e miglioriamo.

- novità: progetto educativo di strada e centro di aggrgazione giovanile. Prima erano due progetti specifici, educativa si sviluppava in collaborazione con le scuole e l'altro era assegnato ad auna cooperativa e agiva per conto proprio nella zona di Ottavia. Questo progetto, indirizzato ad adolescenti e pre-adolescenti che a causa di condizioni socio-economiche svantaggiate risultano a rischio dispersione scolastica, quest'anno è stato unificato in un progetto unico. Il centro avrà il compito di sviluppare feste, tornei, mostre, video, attività culturali e in più essere di sostegno alle attività scolastiche.

- il fiore all'occhiello di questo Piano Regolatore Sociale rimane il centro per le famiglie. Si tratta di un progetto iniziato col primo Piano Regolatore Sociale nel 2002, progetto al quale sono molto legato, l'ho fortemente voluto. Il progetto è destinato a nuclei familiari che presentano minori a rischio o nuclei separati e in tutti i casi dove è obbligatorio procedere a percorsi di affidamento familiare. Mi piace sottolineare, di questo progetto, che ci è stato molto utile fin dall'inizio perchè quando due genitori si separano sono tanti i minori soggetti a provvedimenti della magistratura e vengono inviati ai servizi sociali che devono assumersi la responsabilità di fare relazioni sulle famiglie. Da quello che poi scriveranno dipende il futuro dei minori. Questo progetto ci aiuta, in collaborazione con l'autorità giudiziaria e con la Asl, a poter vagliare caso per caso riducendo gli errori di valutazione sulle famiglie".

"Noi siamo uno dei pochissimi Municipi - conclude Milioni - che arrivano a fine anno senza chiedere al Comune ulteriori fondi. Su 19 municipi, 15 hanno chiesto i fondi per il sociale per arrivare a fine anno. Il municipio 19 ha garantito i fondi per il funzionamento dei servizi sociali per arrivare a fine anno. Il piano regolatore sociale è quinquennale, il finanziamento è annuale e il piano va aggiornato anno per anno, ci tengo a ricordarlo".

Leggi anche: Piano Regolatore Sociale, Posarelli (Pd): "Non abbiamo votato per protesta"

Municipio 19, Piano Regolatore Sociale: Prc-Fds è ha votato contro

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano Regolatore Sociale Muicipio 19, Milioni: "Abbiamo i fondi necessari"

RomaToday è in caricamento