Martedì, 22 Giugno 2021
Torrevecchia Torrevecchia / Largo Carlo Sacconi

Largo Sacconi, associazione L'Edera: "Vogliamo continuare a fare i rigattieri"

"Siamo a Largo Sacconi da 13 anni e non siamo noi a dare fastidio ai residenti". A dichiararlo è il presidente dell'Associazione L'Edera, il sessantenne Umberto Pacini. "Noi vorremmo restare lì come associazione per fare il nostro mercato il martedì, il giovedì e il sabato

Mercato abusivo di Largo Sacconi

"Siamo a Largo Sacconi da 13 anni e non siamo noi a dare fastidio ai residenti". A dichiararlo è il presidente dell'Associazione L'Edera, il sessantenne Umberto Pacini. "Noi vorremmo restare lì come associazione per fare il nostro mercato il martedì, il giovedì e il sabato. Noi facciamo i rigattieri, vendiamo roba vecchia, quella che recuperiamo dalle cantine che ripuliamo. Viviamo di questo lavoro, per noi è una questione vitale". Proprio i 77 associati di L'Edera nel 2009 avevano minacciato di darsi fuoco davanti alla sede del Municipio XIX a Battistini e, in quella occasione, avevano ottenuto un permesso temporaneo. Ora però, viste le tante proteste per i rom e per il mercato abusivo di Largo Sacconi hanno deciso di difendersi. "E' vero che siamo abusivi ma noi abbiamo chiesto più volte il permesso al Comune di Roma - spiega Pacini - e ci è stato negato perché "non sanno come darcelo", ci hanno risposto". Però da quando è stato chiuso il mercato a Ponte Marconi, dove i rom pagavano per lavorare, si sono trasferiti qui a Largo Sacconi e hanno creato il panico. Sono loro a creare problemi ai residenti, sono loro ad essere maleducati e sporchi e sono rimasti qui perché non pagano e nessuno li caccia. E sono loro a fare affari la notte, noi iniziamo a lavorare intorno alle 6.30 di mattina, ognuno al suo posto", commenta Pacini.

"La nostra Associazione funge anche da recupero, abbiamo dai 60 agli 80 anni e alcuni vengono per guadagnarsi i 15 euro che gli permettono di comprarsi il pane, dato che molti di noi ricevono pensioni misere e non ce la fanno ad andare avanti. Molti di noi sono ex drogati ed ex carcerati che cercano di avere una vita normale", continua Pacini. "L'altro giorno abbiamo tolto noi 6 materassi che usano gli zingari e l'Ama li ha portati via. Non è con noi che i cittadini hanno un rapporto negativo, tutt'altro". Pacini spiega poi il progetto che hanno presentato senza ottenere alcuna risposta. "Adiacente a Largo Sacconi c'è un terreno dell'Ater e noi abbiamo proposto di aprire un vivaio insieme al mercato e ai giochi, ma nessuno ci ha dato retta", conclude Pacini. A confermare che gli associati de L'Edera sono abusivi allo stesso modo degli zingari è il Presidente del Municipio XIX Alfredo Milioni: "Non hanno titoli per stare lì, non ci sono autorizzazioni".

Ecco come si descrive l'Associazione L'Edera sulla sua pagina Facebook:

"L'Associazione opera con un mercatino dell'usato sito a Largo C.Sacconi (Primavalle). L'Associazione, che non ha fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e tutelare le attività di mercato e di libero scambio di rigatteria, e di baratto. L'Associazione intende proteggere e tutelare gli operatori del settore e i loro diritti.
Tutela e promuove altresì l'ambiente, anche attraverso l'opera e la cultura del recupero delle merci usate e abbandonate, del riciclaggio dei rifiuti e di un consumo più consapevole. L'Associazione ha lo scopo altresì di diffondere e promuovere la cultura e i valori del recupero delle tradizioni artigianali e rurali della periferia e della campagna romana. Attraverso le attività che svolge per il perseguimento dei suoi scopi, l'Associazione si prefigge di aiutare il reinserimento di persone socialmente ed economicamente svantaggiate e in particolare favorire il recupero di ex detenuti e/o ex tossicodipendenti.

In particolare l'Associazione può:
Gestire ed organizzare spazi di mercato in accordo con le Pubbliche Amministrazioni competenti;
Organizzare eventi culturali e ludici, Mostre mercato dell'artigianato, delle attività rurali, Mostre di attrezzi e utensili contadini, Mostre di pittura, Convegni,
Feste rionali, feste per bambini, ecc.
Organizzare e gestire uffici di consulenza legale e di assistenza fiscale in genere nei confronti degli operatori dei mercati di rigatteria per agevolarli nelle loro
attività o affinché non subiscano lesioni dei propri diritti;
Svolgere attività di integrazione sociale, corsi di alfabetizzazione, mediazione culturale, corsi di formazione, sportelli informativi ecc.
Svolgere attività di consulenza e di formazione, anche nei confronti del personale delle Pubbliche Amministrazioni, di scuole statali e non, di associazioni o imprese;
Favorire lo sviluppo delle attività culturali volte alla promozione e diffusione della tutela dei diritti, alla promozione della cultura e dei valori sopra indicati;
Promuovere lo sviluppo di attività culturali e di eventi in genere a favore della collettività, organizzare convegni, giornate di studio, manifestazioni ed incontri,
mostre, spettacoli, concerti, rassegne cinematografiche, corsi di studio, di formazione in generale, ricerche, indagini e seminari;
Gestire attività editoriali in generale, anche attraverso la pubblicazione di un bollettino, di atti di convegni, di seminari, nonché degli studi e delle ricerche
compiute; pubblicazione di libri, supporti magnetici, video ecc..
Gestire servizi di progettazione rivolti ad aziende, Stato, Enti Locali, Scuole ed Enti di formazione in generale;
Svolgere tutti quegli atti utili per la realizzazione degli scopi sociali.
Missione: Lottiamo per la dignità del lavoro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Largo Sacconi, associazione L'Edera: "Vogliamo continuare a fare i rigattieri"

RomaToday è in caricamento