Giovedì, 24 Giugno 2021
Torrevecchia Torrevecchia

Ex Lavanderia "Stop svendita delle aree esterne Santa Maria della Pietà"

L'Associazione Ex Lavanderia chiede il ritiro immediato della Delibera con cui la Provincia di Roma vuole vendere parte delle arre esterne

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

L'Associazione Ex Lavanderia chiede il ritiro immediato della Delibera con cui la Provincia di Roma vuole vendere parte delle arre esterne al S.Maria della Pietà.

La Provincia di Roma con una Delibera di Giunta intende alienare parte del suo patrimonio tra cui un'area esterna al Comprensorio del S.Maria della Pietà "che può essere valorizzata mediante realizzazione di un nuovo impianto sportivo, con capitale interamente privato, anche attraverso la demolizione e ricostruzione".
Di fronte al degrado ed all'incuria di cui sono esse stesse responsabili, le amministrazioni semprano prendere in considerazione solo l'ipotesi di svendita.

Infatti questa Delibera rappresenta un ulteriore e gravissimo di una lunga serie di atti con cui tutte le amministrazioni pubbliche stanno rinunciando alla pianificazione della Centralità Urbana del S.Maria della Pietà che, ricordiamo, è l'unica centralità completamente pubblica e, dopo una lunga battaglia non prevede alcuna nuova edificazione.

Dopo il Protocollo di Intesa del 2007 che promuoveva un progetto già senza tener conto dei progetti di associazioni e cittadini, tutte le ipotesi promosse dalle istituzioni sono progressivamente venute meno: l'Università, la casa dello studente, la pedonalizzazione e la tutela del Parco.

Anche le poche esperienze positive presenti sono senza tutela, dalla cooperativa integrata nel Padiglione 41 all'Associazione Ex Lavanderia, fino alle recenti difficoltà del Museo della Mente.

Riteniamo che la Provincia di Roma non debba concorrere a questa dismissione di interesse pubblico sull'area del S.Maria della Pietà e farsi anzi portatrice di un nuovo confronto tra le istituzioni e le realtà della cittadinanza attiva per pianificare le funzioni e gli usi delle aree e del patrimonio non ancora compromesso.

Ricordiamo che le Centralità Urbane del PRG dovrebbero essere vincolate a processi di pianificazione urbana concertate tra enti pubblici e sottomesse all'obbligo di procedure partecipative (deliberazione n. 57 del 2 marzo 2006 del Consiglio Comunale di Roma)

Per questo invitiamo ad un confronto l'amministrazione provinciale chiedendo immediatamente come atto di disponibilità il ritiro immediato della Delibera che apre spazio alla privatizzazione delle aree interessate e rischia di essere un viatico verso la riapertura dell'ipotesi di edificazione delle aree esterne al S.Maria della Pietà.

Chiediamo alle associazioni ed ai cittadini di prendere posizione pubblica e chiedere il ritiro immediato della Delibera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Lavanderia "Stop svendita delle aree esterne Santa Maria della Pietà"

RomaToday è in caricamento