Domenica, 24 Ottobre 2021
MonteMario Torrevecchia / Via Mattia Battistini, 464

Monte Mario, il Consiglio di Stato sospende il bando sul servizio Aec: "Maggi si dimetta"

Provvedimento in via cautelare, è attesa la decisione definitiva. Affondo di Colabello (Pd): "È una Caporetto, sono mesi che denunciamo i tagli dei servizi dedicati ai nostri ragazzi diversamente abili"

“È una Caporetto, l’assessore al Sociale del Municipio XIV, Andrea Maggi, dovrebbe dimettersi”. Così ha commentato Julian Colabello, presidente della commissione Trasparenza di Monte Mario, dopo la decisione del Consiglio di Stato che ha sospeso - in via cautelare - il bando in corso per la rassegnazione del servizio Aec (Assistenza educativa culturale). Un servizio, questo, per il diritto allo studio dei bambini e degli adolescenti diversamente abili. Ogni utente, per la cronaca, ha un Pei (piano educativo individuale) che viene redatto all’inizio dell’anno scolastico, con all’interno la programmazione e gli obiettivi da raggiungere. 

Nel caso specifico del Quattordicesimo, a far battere i pugni fu il taglio d'ore praticato ad anno in scorso a cui seguirono le diffide (a Municipio e Comune) oltre al ricorso dei genitori per bloccare il nuovo bando che, a loro detta, non avrebbe garantito “la continuità assistenziale”. Un braccio di ferro che ha coinvolto anche la politica, in uno scontro tra Partito democratico e M5S, con quest’ultimi che hanno parlato di “strumentalizzazione” e con lo stesso Maggi che sulla questione degli Aec avanzò un “analfabetismo politico del Pd”.

"Sono ormai mesi che nelle scuole, tra i genitori, sui giornali e televisioni e in Commissione Trasparenza si denuncia la precarietà e il taglio dei servizi per i nostri studenti diversamente abili – ha sottolineato Colabello – l'unico luogo sordo a questa denuncia è stato il quarto piano di via Battistini, dove dimora il presidente Campagna e la sua sempre più esigua e inconsistente giunta. Neppure venti giorni fa il Tribunale di Roma aveva urgentemente ordinato di ripristinare immediatamente il servizio drasticamente ridotto ad una nostra studentessa. Il Consiglio di Stato ha aggiunto a questo coro la sua voce, sospendendo il bando in corso per la riassegnazione del servizio Aec. Una prima risposta al ricorso presentato dal battagliero Comitato dei genitori in lotta”.

Sul bando, Colabello ha ricordato che è nato “nel 2016 (Amministrazione Barletta, ndr) tra mille difficoltà e portato avanti, indefessamente dal  Campagna e l'assessore Maggi. Nonostante le proteste e gli attacchi del Movimento 5 stelle abbiamo dedicato in Trasparenza numerose commissioni, per analizzare sia il bando sia gli evidenti tagli al servizio dando ascolto alle famiglie, ai lavoratori e alle scuole. Dopo la sospensione in via cautelativa, attendiamo la decisione del Consiglio di Stato. Resta che in questa incredibile serie di casi, i diritti fondamentali in questo Municipio sembrano trovare tutela solo nella magistratura – ha terminato Colabello – il presidente Campagna dovrebbe valutare ulteriori risistemazioni della giunta, per cercare di organizzare dignitosamente i servizi ai nostri studenti, almeno per il prossimo anno scolastico”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monte Mario, il Consiglio di Stato sospende il bando sul servizio Aec: "Maggi si dimetta"

RomaToday è in caricamento