MonteMarioToday

Quartaccio e le sorti dell'archeoparco: "Dichiarazioni imbarazzanti"

Gli Assessori Errani e Cecera hanno parlato di "lassismo e improvvisazione della precedente giunta", ma il Consigliere Accorinti risponde: "Non si rendono conto di cosa dicono" e aggiunge: "Pronti con le relative denunce se non rispetteranno tutto l'iter previsto"

"Francamente le dichiarazioni di questi due assessori sono imbarazzanti, non si rendono conto di cosa dicono!". Niente mezzi termini per il Consigliere del Municipio XIV Fulvio Accorinti (FdI) in merito a quanto affermato dagli Assessori Ivan Errani e Alessio Cecera, rispettivamente all'Ambiente e ai Lavori Pubblici, per quanto riguarda le vicende dell'archeoparco di Quartaccio. "Per colpa del lassismo e dell'improvvisazione della Giunta precedente il processo di acquisizione dell'area in questione si è sempre inceppato su intoppi minimali, superabili con un pizzico di tenacia e intelligenza politica", avevano dichiarato in una recente nota ma ecco arrivare di gran carriera la replica di Accorinti: "Basterebbe sentire attentamente i comitati che allora parteciparono alle riunioni in dipartimento o ascoltare cosa dicono i tecnici municipali o magari chiedere informazioni più dettagliate, cosa difficile a certi personaggi di una tale arroganza".

L'attacco è sferrato, e il Consigliere continua: "L'opera è di competenza dipartimentale, le aree a verde devono essere prese in carico dal dipartimento Ambiente, e notizie ci dicono che non ne hanno granchè intenzione, per la manutenzione ordinaria e straordinaria e non si può fare diversamente, i comitati si possono occupare della custodia e guardiania ma l'area è comunale ed il dipartimento competente se la deve prendere obbligatoriamente in carico; prima devono essere realizzati interventi propedeutici a questo ed i fondi li avevamo trovati, fino a pochi mesi fa, all'interno dello stesso piano di zona ma qualsiasi modifica va fatta con la massima attenzione perchè tutto quello che oggi c'è è stato già collaudato pertanto l'impresa che ha realizzato il piano di zona si è sempre rifiutata di apportare qualsiasi modifica a quanto già realizzato". E a chiusura della nota, Accorinti avverte: "Ovviamente immagino che tutto questo sia sconosciuto a questi due oscuri ed imbarazzanti personaggi ma li avviso, qualora non verranno rispettati tutti i passaggi amministrativi e tecnici che alla precedente Amministrazione venivano imposti, siamo pronti a presentare le relative denunce".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento