MonteMarioToday

Primavalle: ai domiciliari con braccialetto elettronico spaccia crack in casa

Sono stati gli agenti di polizia a trovare la sostanza stupefacente nella casa di un 43enne

Immagine di repertorio

Era già agli arresti domiciliari e con braccialetto elettronico ma continuava a spacciare in casa. Quando gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti in zona Primavalle hanno perquisito la sua abitazione, hanno rinvenuto e sequestrato 18 involucri termosaldati contenenti cocaina e crack per un peso di circa 6 grammi nonché 2,5 grammi di hashish. E così, per un  romano di 43 anni si sono aperte di nuovo le porte del carcere.

L'arresto è arrivato nell'ambito della proseczione dei servizi antidroga della Polizia di Stato che hanno portato all’arresto di 11 persone.

Al Prenestino i poliziotti hanno arrestato altre tre persone. Il primo,  romano di 29 anni che, fermato in via Palmiro Togliatti, dalla pattuglia del Commissariato di zona unitamente a quella del Commissariato Porta Maggiore e di Torpignattara, è stato trovato in possesso di 640 euro in contanti e 10 grammi di cocaina suddivisa in 25 dosi.

Gli altri due, di 28 anni e di 30 anni, con precedenti di Polizia, in via di Tor De’ Schiavi sono stati trovati in possesso di 15 dosi di cocaina per un totale di 5 grammi e 230 euro in contanti. Altri 3 mila euro sono stati sequestrati durante le perquisizioni domiciliari. 

A bordo di motociclo e liberi dal servizio, due agenti della Polizia di Stato, in servizio presso il Commissariato Porta Maggiore, hanno notato la presenza di diverse persone - conosciute quali assuntori di stupefacenti - davanti ad un bar di via Casilina. Il continuo andirivieni ha fatto sì che i poliziotti, con l’ausilio di una volante del Commissariato, procedessero ad un controllo più accurato. 

Entrati all’interno dell’esercizio commerciale hanno notato la presenza di due persone, sedute su un divanetto che, alla loro vista, hanno cercato di disfarsi di alcuni involucri. E così, tra il divano e una macchinetta delle slot machine, i poliziotti hanno rinvenuto due involucri contenenti cocaina. Altri due involucri contenenti eroina, invece, sono stati rinvenuti sotto i piedi di uno dei due.

 Arrestati, i due di 50 e 29 anni, entrambi della Guinea, dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. E sempre gli agenti del Commissariato Porta Maggiore, questa volta a bordo dell’autoradio di zona, hanno tratto in arresto un cittadino italiano di 23 anni, F.M. le sue inziali, trovato, durante un controllo d’iniziativa, in via dell’aeronautica, in possesso di 107 grammi di hashish e 740 euro in contanti.

Infine i controlli della Polizia di Stato hanno interessato anche le zone di Celio, Fidene, Casilino ed Esquilino, dove a finire in manette sono stati altri 4 uomini: un  senegalese di 38 anni, un ragazzo di 19 anni, un romano di 24 anni ed un 28enne del Gamba. Nelle 4 distinte operazioni, sono stati sequestrati 33 grammi di marijuana, 97 grammi di hashish e 14 grammi di cocaina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento