MonteMarioToday

A quarant'anni dal rogo di Primavalle: corone d'alloro sotto casa dei Mattei

Presenti alla commemorazione il sindaco Alemanno, il governatore del Lazio Zingaretti e il candidato sindaco per il centro sinistra Ignazio Marino

Era il 16 aprile 1973. A quarant'anni dall'attentato di Primavalle, l'incendio appiccato da alcuni militanti di Potere Operaio nel quartiere romano, che costò la vita a Stefano e Virgilio Mattei, 10 e 22 anni, il mondo politico ricorda la tragedia.

ZINGARETTI - "Nella dinamica politica esistono gli avversari ma non devono esistere i nemici". Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dopo aver deposto una corona d'alloro sotto la finestra del palazzo nel quale viveva la famiglia Mattei e dove persero la vita i figli dell'allora segretario della sezione di Primavalle del Movimento Sociale Italiano.

Il governatore del Lazio ha sottolineato che "é giustissimo essere qui per dimostrare che le istituzioni non dimenticano e sono vicine a due vittime innocenti, colpevoli di nulla se non di avere delle idee, per essere vicini a una famiglia straziata dal dolore non solo per la mancanza di due familiari ma per la violenza di quell'atto incredibile. La vicenda di Primavalle è stata il simbolo della follia della violenza politica. Siamo qui per dire mai più e per vigilare affinché la dialettica tra le giovani generazioni non sfoci mai nel disprezzo nei confronti degli altri".

ALEMANNO - "I familiari delle vittime sono sempre molti attenti alla memoria dei loro cari ma, nel caso del rogo di Primavalle abbiamo un impegno in più di carattere politico: cercare giustizia, non solo per i fratelli Mattei, ma anche una verità più ampia sugli anni di piombo a Roma". Lo ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, anche lui presenta alla deposizione della corona d'allora.

Nel ringraziare Gianpaolo Mattei, che "da 40 anni lavora per mantenere la fiaccola della verità e cercare giustizia" il sindaco Alemanno ha ricordato che questo episodio "é stato una sorta di antefatto, una prima spia che doveva avvertire del pericoloso crinale su cui si stavano avviando Roma e l'Italia. Questo segnale fu ignorato e ciò ha creato un ritardo culturale molto forte che ha inciso negativamente in tutti gli anni settanta". "Credo sia mio dovere come sindaco di Roma fare tutto il possibile perché ci sia verità su tutte queste vicende che riguardano ragazzi di destra e di sinistra", ha concluso. E ancora ha rilasciato una sua dichiarazione anche il candidato di centrosinistra a sindaco di Roma, Ignazio Marino.

MARINO - "L'attentato di Primavalle rappresenta, ancora oggi a 40 anni di distanza, una ferita profonda per Roma e per l'intero Paese. E' infatti ancora vivo il dolore e il ricordo di uno dei più efferati episodi di quella stagione di violenza politica che ci auguriamo appartenga per sempre al passato - ha aggiunto - Una vicenda orribile che, peraltro, diede origine a una serie di omicidi e aggressioni che alimentò un clima di paura e terrore in questa città. Quell'episodio ci ricorda che il confronto politico non deve mai sfociare nella violenza e nel sopruso ed é parte di una memoria cittadina che deve essere custodita con cura e condivisa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' stata già depositata in Consiglio comunale una delibera - ha proseguito l'ex senatore del Pd - a cui ha collaborato Giampaolo Mattei, per l'istituzione di una Consulta cittadina per una memoria condivisa degli Anni di Piombo che dia la parola ai famialiari delle vittime di quella drammatica stagione. Si tratta di una proposta concreta cui darò immediatamente seguito se sarò eletto Sindaco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento