rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cultura in periferia / Primavalle / Via Andersen

Decoro tra le case popolari del Quartaccio: i lotti diventano una agorà

Diserbo e pulizia tra i lotti: un progetto culturale porterà i ragazzi delle scuole alla scoperta del quartiere

Il Quartaccio si rimette a nuovo. Sono iniziate le operazioni di pulizia e diserbo lungo le strade della periferia del Municipio XIV, interventi su via Andersen e via Valle dei Fontanili con un’operazione di bonifica che ha riguardato anche l’area dell’ingresso delle case popolari. Rimozione degli arredi vecchi e logori, della pavimentazione divelta che sarà ripristinata così come i cigli rotti o scheggiati. 

Decoro al Quartaccio

“Un intervento in linea con quello che per il decoro stiamo facendo in tutti i quartieri del municipio ma che si collega ad un nuovo progetto culturale” - ha detto a RomaToday il minisindaco del Roma Monte Mario, Marco Della Porta. Il riferimento è a ‘Luogo da favola’, un progetto di rigenerazione urbana e umana, materiale e immateriale ispirato al  tema della fiaba e dell’immaginazione ed ideato per innescare un processo di ascolto e di co-creazione di comunità nel quartiere Quartaccio. Finanziato dal Ministero della Cultura, realizzato da Disambigua APS, Mecenate 90, Zip_Zone con la collaborazione di Enciclopedia Treccani e Municipio XIV. 

Nella periferia del XIV un 'Luogo da favola'

Obiettivo del progetto è attivare nuove pratiche di coesione sociale e di rigenerazione a partire da un lavoro di storytelling e di narrazione poetica dedicato alle nuove generazioni, riqualificare e valorizzare lo spazio all’entrata del condominio di edilizia popolare anche attraverso un intervento artistico ispirato alla bellezza, che lo trasformerà in una nuova Agorà dove incontrarsi, ascoltare, raccontare, immaginare ed esprimersi. “La riqualificazione materiale di un’area del quartiere - spiegano i promotori del progetto - sarà la manifestazione fenomenica di un processo rigenerativo più ampio che, trasformando uno spazio urbano in un luogo significativo, simbolico, per la comunità che lo abita, tramite uno dei suoi caratteri intrinseci ossia la sua toponomastica,ispiri e solleciti la partecipazione attiva dei più giovani”. Da qui il coinvolgimento di due Istituti scolastici di zona, la scuola elementare Andersen dell’IC Pio La Torre e l’Istituto Superiore Albert Einstein come investimento del progetto sulle nuove generazioni. 

Il minisindaco: "Ridiamo dignità a luoghi del territorio"

“Stiamo provando a ridare dignità ai luoghi del nostro territorio attraverso il decoro e attraverso la cultura. Dopo la Carmen di Bizet allo stradone di Viale Gandin, dopo il Festival Cous Cous alla Scuola Pablo Neruda, dopo Beethoven al Santa Maria della Pietà, anche qui al Quartaccio - ha sottolineato Della Porta - gli interventi di decoro andranno di pari passo con un progetto culturale che coinvolgerà i bambini della Scuola Andersen e i ragazzi dell’Istituto superiore Einstein. Insieme a loro e all’Enciclopedia Treccani andremo alla scoperta dei grandi scrittori a cui sono intitolate le vie del quartiere.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decoro tra le case popolari del Quartaccio: i lotti diventano una agorà

RomaToday è in caricamento