rotate-mobile
Primavalle Torrevecchia / Via Alessio Ascalesi

Primavalle, disoccupati e precari ripuliscono il parco Anna Bracci

Sciopero alla rovescia nel Municipio XIV

Uno sciopero alla rovescia, un segno distintivo della borgata Primavalle, Municipio XIV, che si è ripetuto nell’ultimo weekend. Il parco Anna Bracci, di proprietà dell’Ater, è stato ripulito dai disoccupati e precari della lista Roma Nord Ovest. Con loro lo sportello di Solidarietà popolare e Working class onlus. 

Pulizia del parco Anna Bracci

L’area verde, che si trova in via Alessio Ascalesi, versa in uno stato di abbandono totale. A tenerlo in vita, le opere volontarie di cittadini e associazioni del territorio. Ovvero, chi ha a cuore il parco e cerca di curarlo con i propri mezzi. Anche perché si tratta di un luogo di socializzazione e aggregazione fondamentale per il quartiere, dove si riuniscono grandi e piccini.

Sciopero alla rovescia nel cuore di Primavalle

L’iniziativa è stata un seguito di quella andata in scena lo scorso mese, sempre a Primavalle, al martoriato parco Dominique Green di via Sant’Igino Papa, anch’esso nell’alveo dell’Ater. Un angolo verde situato a due passi dal nido Tondogiro spesso balzato alle cronache per degrado, presenza di topi e incuria dominante.

pulizia parco primavalle-2

Obiettivo: la cura del verde 

Sfalcio, raccolta di rifiuti, olio di gomito: a fine giornata il risultato ottenuto all’interno del parco Anna Bracci è stato soddisfacente. Un messaggio chiaro quello lanciato dai disoccupati e precari di zona, alla luce soprattutto della richiesta avanzata nel 2017, ovvero la proposta di garantire il decoro del verde locale (compreso l’Archeoparco del Quartaccio, di proprietà comunale). In che modo? Stipulando una convenzione con associazioni  e comitati (QUI L'ARTICOLO). 

Installata bacheca nel parco Anna Bracci

Nel frattempo, l’attenzione al problema resta alta. E per dimostrare la propria vicinanza al parco Anna Bracci, è stata installata una piccola bacheca in legno, con tettoia in alluminio. “Le istituzioni devono essere capaci di coniugare il bisogno di lavoro e reddito di tante persone con le carenze di servizi di cui i territori soffrono – hanno spiegato –  non essere capaci di fare ciò vuol dire inefficienza. Non saranno i nostri scioperi a salvare l'Amministrazione dal malcontento popolare se non vengono presi provvedimenti, come ha dimostrato il recente sversamento di rifiuti davanti al Municipio ad opera di cittadini esasperati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primavalle, disoccupati e precari ripuliscono il parco Anna Bracci

RomaToday è in caricamento