rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Primavalle Torrevecchia / Via Sant Igino Papa

Primavalle, la ricetta per rilanciare il mercato: "Spazio alla modernità senza dimenticare la tradizione”

In primis la messa in sicurezza e poi il progetto per dare nuova linfa: un'area wi-fi, tavolini in legno, una piazza adibita ad eventi, uno sportello per i servizi al cittadino

Il dado è tratto: il rilancio del mercato di Primavalle dovrà raccogliere i bisogni del territorio e convogliarli in un progetto moderno, senza lasciare da parte la tradizione. Ieri, 25 maggio, si è tenuta una riunione nella storica struttura. L’occasione ha consentito al Municipio XIV di spiegare gli obiettivi per far ripartire l’area. Tante le idee in cantiere, che seguono la linea tracciata dal Campidoglio, indirizzata a dare nuova linfa ai mercati rionali: i fondi a disposizione ci sono e a goderne saranno sia questo che il mercato di piazza Mazzaresi, a Balduina.

Primavalle I, al momento, ha solo cinque banchi attivi. Il Governo locale a Cinque Stelle, nelle ultime ore, ha avuto un incontro con il Dipartimento. Grazie al confronto maturato, sono emerse le possibili soluzioni per dare un quid in più: un’area wi-fi, tavolini in legno, una piazza adibita ad eventi, uno sportello per i servizi al cittadino. Giovedì 1 giugno sarà il termine ultimo per le eventuali osservazioni che verranno raccolte dall'Amministrazione guidata da Alfredo Campagna. Dopodiché, via agli step successivi. In primis, la progettazione e la messa in sicurezza.

È stato un incontro interessante, senza polemiche – ha raccontato Luciano Naticchioni, presidente della commissione Commercio, a RomaToday – l’idea che abbiamo è di non far morire il mercato di Primavalle, uno dei luoghi simbolo del territorio. Con i cittadini c’è una forte collaborazione in tal senso. La volontà è avere in futuro un mercato al passo con i tempi ma che non dimentichi le proprie radici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primavalle, la ricetta per rilanciare il mercato: "Spazio alla modernità senza dimenticare la tradizione”

RomaToday è in caricamento