menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni doni recapitati nella sede della comunità di Sant'Egidio

Alcuni doni recapitati nella sede della comunità di Sant'Egidio

Primavalle, parte la raccolta dei regali per donare un sorriso a chi ne ha più bisogno

Punto di ritrovo è la sede della Comunità di Sant’Egidio

“Non si accettano abiti usati” è l’unica regola, se così possiamo chiamarla. Perché nessuno vorrebbe ricevere, a Natale, un regalo riciclato. La comunità di Sant’Egidio, nella sua sede di Primavalle, sta raccogliendo i capi d’abbigliamento - e non - da decorare e regalare a chi ne ha più bisogno. Il punto di ritrovo è in via Michele Bonelli, lotto 30, sottoscala A. L’iniziativa è partita venerdì 15 dicembre. Fino a giovedì 21 le porte saranno aperte dalle 16,30 alle 21,30 mentre venerdì 22 dicembre la chiusura sarà anticipata alle 20.

I regali di Primavalle

Ma cosa si può portare? Le idee sono tante: maglie unisex, tute, profumi, agende, rasoi, schiuma da barba, panettoni e pandori, cioccolata, ombrelli, k-way, coperte, termos da viaggio, sacchi a pelo, marsupi.  “Per il momento abbiamo ricevuto cappelli, sciarpe, guanti, calzettoni, prodotti per l’igiene personale, giocattoli – ha riferito Gabriella a RomaToday – a donarli sono state persone che vivono nel quartiere e che, ogni anno, offrono il proprio contributo”

Il pranzo di Natale a Primavalle

C’è dell’altro: chi fosse interessato lunedì 25 dicembre - dalle 9 alle 16 - potrà cucinare, servire ai tavoli e aiutare ad apparecchiare nella scuola XXV Aprile, di via Federico Borromeo, dove sarà allestito il pranzo di Natale. Quel giorno, inoltre saranno scartati i regali: “A tavola vengono a sedersi famiglie di Primavalle, i senza fissa dimora, gli anziani del quartiere, persone con disabilità. Questo appuntamento si rinnova dal 1982. Negli anni sono stati tanti i momenti di riflessione. Ma in particolare ricordo una ragazza, che decise di dedicare il proprio tempo come volontaria e che disse ‘non esiste un Natale diverso da questo’. Ecco il messaggio che intendiamo inviare. Non ci sono parole migliori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento