menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parlano i bambini: "Caro Assessore, ecco cosa serve alla nostra scuola"

Gli alunni della 5^ elementare dell'istituto Andersen prendono carta e penna e scrive all'Assessore alla Scuola del Municipio XIV. Ecco cosa vorrebbero per la loro scuola

"Oggi in classe abbiamo parlato della nostra scuola e di come ci piacerebbe che fosse", comincia così la lettera aperta degli alunni della 5^ elementare della scuola Andersen di Quartaccio indirizzata all'Assessore alla Scuola del Municipio XIV Daniela Scocciolini. Gli stessi bambini che poche settimane fa, da bravi baby-legionari, hanno marciato fino all'antica strada romana del quartiere per "rivendicare" il proprio diritto alla conoscenza del passato e rinnovare l'impegno a prendersi cura delle bellezze storico - artistiche della propria città. Questa volta i piccoli studenti, seguiti dal maestro Andrea Pizzuti, hanno preso carta e penna e messo così nero su bianco tutto quello che nella loro scuola proprio non va.

Un campetto con porte e canestri per giocare a calcio e basket come si deve. Per la classe, banchi e sedie nuove visto che le vecchie sono tutte rovinate. E poi ancora, le pareti delle aule andrebbero decisamente ripitturate, mentre dal soffitto della palestra fino all'anno scorso pioveva acqua dal soffitto. Sono tante le cose che servono, il materiale mancante, scarso o rovinato, ma la lettera tutto vuole essere meno che una sterile lista dei desideri. Al contrario fotografa quella che è la situazione di questa e tante altre scuole, in un'emergenza scolastica che passa anche e soprattutto per la mancanza di fondi per plessi e istituti. "Sicuramente le nostre richieste sono tante. Siccome sappiamo che Lei si occupa anche di questo, le vorremmo far sapere i nostri pensieri e i nostri desideri", scrivono speranzosi i bambini e chissà se a breve riceveranno una risposta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento